Dall’anno scolastico 2013/14 riapriranno le porte dell’edificio delle scuole medie

Un plesso delle scuole elementari potrebbe essere ricostruito e la Chiesa San Nicolò potrebbe sorgere al posto dell’altro plesso abbattuto.


San Fratello. Nel contesto delle celebrazioni del terzo anniversario del disastro idrogeologico, è stato annunciato che a settembre, con l’avvio del nuovo anno scolastico, verrà messa a disposizione degli alunni del centro montano la struttura della scuola media statale “A. Manzoni”.

E’ stata infatti fortunatamente salvata e ristrutturata con un apposito bando di gara, nel contesto di una serie di distruzioni del quartiere Stazzone circostante. Sicuramente avrà influito il fatto che la costruzione era stata realizzata negli anni settanta e con tutte le difficoltà , già dal primo momento, si era gridato al “miracolo” nella struttura urbana. 

Per gli osservatori, giova ricordare che, il plesso della scuola media inferiore si trova ad appena quaranta metri, nella fascia di territorio sottostante la chiesa di San Nicolò di Bari, che è stato necessario demolire. E senza escludere nessun argomento inerente la situazione scolastica, di cui ci siamo sempre occupati con il dovuto rispetto per le giovani generazioni, il responsabile della Protezione Civile regionale, ing. Pietro Lo Monaco, ha informato la cittadinanza ed i ragazzi del coro scolastico presenti alla cerimonia, che il plesso della scuola elementare sarà ricostruito nello stesso luogo dove è stato abbattuto quello inaugurato nel 1957.


Ed essendo l’area abbastanza ampia il probabile sito di indicazione per la ricostruzione della chiesa avverrà accanto a questa nuova sede da destinare alle scuole elementari e materne. Attualmente, in attesa di queste nuove per la scuola dell’obbligo, nella zona Monte Nuovo, presso il campo sportivo “Luigi Gagliani”, nei container si continua a svolgere l’attività didattica degli oltre trecentocinquanta allievi.


Sono indescrivibili i sacrifici cui sono costretti i ragazzi del paese poichè l’apparato predisposto dalla Protezione Civile è fuori dall’abitato, nella zona sommitale della montagna, soggetta a tutte le intemperie e quel che peggio agli sbalzi atmosferici. Siamo infatti a poche centinaia di metri dal bosco.

Personale docente ed Ata si sono sobbarcati a sacrifici enormi per svolgere il lavoro. Giova ricordare anche la polemica dello scorso anno con le autorità sanitarie che è sfociata in un intervento di somma urgenza per assicurare più stabilità alle coperture in lamiere e per fronteggiare le evidenti infiltrazioni di acque piovane ed umidità. Nonostante le difficoltà, tutto va avanti e solo la speranza alimenta l’amore in una comunità solidale e resistente, caratteristiche queste che spingono ad andare avanti.

Salvatore Mangione

Commenti

  1. speriamo che hanno fatto le cose per bene , cioè che la messa in sicurezza sia stata fatta come dio comanda.

    RispondiElimina
  2. speriamo che hanno messo in sicurezza la struttura anche per i terremoti

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari