Al Pacino e le sue origini di San Fratello

Una vita difficile tra emarginazione sociale e povertà.


La scorsa settimana la terza puntata del noto programma televisivo Amici di Maria De Filippi ha visto tra gli ospiti la presenza del celebre attore americano Al Pacino. L’attore, come molti sanno è di chiare origini italiane, esattamente il padre e la madre sono figli di immigrati siciliani originari rispettivamente di San Fratello e Corleone.

L’attore, Nato nel 1940 ad Harlem, si afferma nel grande cinema grazie all'interpretazione del boss mafioso nel capolavoro di Francis Ford Coppola, "Il Padrino".


L'infanzia di Alfredo Pacino è segnata dai drammi e dalle ristrettezze tipiche della condizione dell'immigrato. Il padre (Salvatore Pacino, figlio di immigrati di San Fratello), oltretutto, abbandona la famiglia quando lui è ancora molto piccolo. Alfredo rimane da solo con la madre, entrambi spaesati e poveri. 

Sono i nonni materni (originari di Corleone) che si incaricano di crescerlo e di allevarlo, con il contributo non indifferente della strada (il quartiere è il non tranquillissimo "South Bronx"). Più volte, nelle interviste, Al Pacino ripercorrerà amaramente gli anni della sua giovinezza, segnata da solitudine e da emarginazione. Anni vissuti senza amici e compagni, se si escludono le conoscenze occasionali che si instaurano in strada.

Frequenta anche la scuola, ma è decisamente un pessimo studente. Svogliato e poco attento, viene più volte bocciato se non espulso. A diciassette anni interrompe gli studi e si trasferisce al Greenwich Village, dove si iscrive alla "High School of Performing Arts". Per campare si adatta ai lavori più disparati, anche quelli più umili. Passa da un lavoro all'altro in una vera girandola di mestieri: dal fattorino all'operaio, dal traslocatore al lustrascarpe. Non molla però la presa sulla recitazione e il teatro.

Nel '69 debutta a Broadway e gira il suo primo film, "Me, Natalie". Ma il primo ruolo da protagonista è in "Panico a Needle Park" ('71) di Jerry Schatzberg, in cui interpreta un piccolo spacciatore di droga, offrendo il primo saggio di quella recitazione secca e nervosa che sarà poi caratteristica di tutti i suoi personaggi futuri, dal poliziotto anticonformista di "Serpico" ('73) a quello infiltrato negli ambienti gay di "Cruising" ('80), dal nevrotico pilota di "Un attimo una vita" ('77) al mafioso di piccolo taglio di "Donnie Brasco" ('97). Anche se la fama gli arriverà per il ruolo di Michael Corleone nel "Padrino".


Il suo nome ormai fa botteghino e si può già parlare di fama consolidata. Inevitabilmente, il peso della celebrità comincia a farsi sentire. L'attenzione su di lui è spasmodica e l'attore non ha ancora maturato quegli strumenti umani e culturali che rendono in grado di sostenere tale impatto psicologico. Comincia a bere per farsi forza e lentamente scivola nella dipendenza da alcolismo, problema che si trascinerà per anni, compromettendo anche le occasionali storie sentimentali.

Parallelamente alla sua attività di attore cinematografico, ha continuato la carriera teatrale, di cui restano memorabili le performance in "American Buffalo" di Mamet e negli shakespeariani "Riccardo III" e "Giulio Cesare". Ha dimostrato però di trovarsi a suo agio anche come attore brillante in commedie come "Papà sei una frana" ('82) e "Paura d'amare" ('91) o in panni addirittura caricaturali come quelli del gangster Big Boy Caprice in Dick Tracy ('90), affiancato da Madonna.

Ha vinto l'Oscar come miglior attore protagonista per il ruolo dell'ex-ufficiale cieco di "Scent of a woman - Profumo di donna" (di Martin Brest). E’ considerato uno dei più grandi attori di tutti i tempi. 

fonte: official site Al Pacino

Commenti

  1. l'amministrazione comunale dovrebbe dargli la cittadinanza onoraria, fargli conoscere il paese dei suoi avi, sarebbe una cosa fantastica averlo a san fratello, è un mito

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo, sarebbe un bel gesto! Al Pacino è un orgoglio per tutti i sanfratellani!

      Elimina
  2. cirino Latteri25 aprile 2013 00:27

    Essendo un suo parente voglio aiutare i miei concittadini a risalire alle sue origini sanfratellane. Il padre Sal nato dalla coppia sanfratellana Alfio Pacino e Giuseppa Latteri, entrambi emigrati in America ai primi del '900 . Giuseppa Latteri, sua nonna paterna appunto, era sorella di Cirino Latteri (mio nonno paterno) nato a San Fratello il 4.2.1904 , sua sorella credo fosse nata nel 1903. Chi è interessato ad approfondire può farlo benissimo all'anagrafe. Purtroppo non ho notizie che riguardano i Pacino e ne sarei grato se qualcuno lo scrivesse . Banasara a tucc i miai paisei

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao cirino latteri tu dove vivi,e hai parenti a san fratello?

      Elimina
  3. MIA SUOCERA MI RACCONTAVA CHE I PACINO ABITAVANO NELLA VIA CHIAMATA "STRADA LARGA" E PRECISAMENTO LA CASA ERA PROPRIO VICINO ALL'ATTUALE FONTANELLA, LEI DICEVA SEMPRE IO ME LI RICORDO ANCHE QUANDO SONO EMIGRATI, PECCATO CHE LEI NON C'E' PIU' PER CHIEDERE ALTRE COSE E' MORTA 3 ANNI FA ALL'ETA' DI 94 ANNI. COMUNQUE SAREBBE BELLO AVERE AL PACINO NEL NOSTRO PAESE

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari