Al caro Amico Carmelo Faranda

Su richiesta pubblichiamo una lettera di ringraziamento scritta da un giovanotto "classe '24" che ha dimostrato particolare interesse nel renderla pubblica a tutti i nostri lettori.

A sinistra Carmelo Faranda, Sanfratellano che vive a Saronno molto impegnato nel promuovere le nostre singolarità nel mondo; a destra Salvatore Emanuele, Sanfratellano figlio di sfollati della frana 1922, emigrato a Firenze dove attualmente risiede. Tra le sue opere una preziosa testimonianza della vita a San Fratello negli anni difficili del post-frana.

Al caro Amico Carmelo Faranda,
È un peccato veniale ma non accettabile quello che obbliga le nostre persone a parlarci da lontano senza guardarci: gli occhi negli occhi per meglio esprimere i nostri sentimenti.

Con ritardo, ma sempre in tempo, ho letto dopo averlo stampato in caratteri cubitali il tuo  corsivo di “Presentazione” in Galloitalico.
Per meglio leggere e capire le espressioni da te scritte in mio favore.

Belle, dolci parole appassionate d’amicizia vera, non di sviolinatura lusinghevole; le ho sentite come provenienti da un cuore sincero e poste alla luce con appassionata descrizione. Cosa di cui io, lo dico umilmente, non merito e le quali così suonano:  



“Pirsunalmant pàzz dir chi pi cau c’ù stäcch canuscian iea è veramant n cristien instanchiebu, cun la mant fina e auerta chi è n pilagjar avarghj a chi fer, tänt chi iea dijànn i suo cummant era cunvint c’avossa stätt n carusäzz svegli di na trentina d’egni, invecc la saua espirianza è tantinian cchjù gräna.” 

Queste  belle parole che  hai  adoperato  nel  presentarmi  mi  riempiono di « umile “orgoglio” ». Perdonarmi questa − sottigliezza paradossale − che bell’apposta ho voluto  mettere  tra virgolette  poiché  tale appare, ma che invece è vero sentimento.
Grazie anche al mio caro parente, Carmelino che, spontaneamente, ha voluto corredare di foto d’epoca il racconto. Esso mi appare come un’opera gratificante che non merito.


Un  GRAZIE di vero cuore !  Ed  un abbraccio fraterno.


 Firenze, 05 giugno 2013.

                                                  Salvatore Emanuele - Firenze


Commenti

  1. Carissimo Salvatore,
    mi trovo sinceramente a disagio perché non mi aspettavo di leggere qui, sul giornale di San Fratello, queste tue generose attestazioni di stima,che mi commuovono.
    La tua amicizia è per me un grandissimo privilegio.
    Gräzii Totò, n chier salur e a prest!
    Carmelo Faranda

    RispondiElimina
  2. Salvatore Emanuele10 giugno 2013 19:21

    Firenze, 10 giugno 2013.
    Mio caro Amico
    Sentivo, moralmente e semplicemente doveroso ringraziarTi pubblicamente.
    Ma senza l’aiuto del mio caro parente “Amico” Carmelino non sarei mai riuscito a farlo e, l’ho pregato di darmi una mano d’aiuto.
    Un grazie doveroso, va anche a lui per il bene che mi vuole e ch’io ricambio di tutto cuore.

    Bäna sara amìègh Carmìan Faräna.

    Salvatore Emanuele

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari