Sanità, i posti letto negli ospedali di S. Agata, Mistretta e Patti

Nascono gli ospedali riuniti S. Agata-Mistretta.


di Antonio Caffo.
La creazione del distretto sanitario dei Nebrodi, il Punto Nascita di Mistretta senza Ostetricia e Ginecologia: sono alcune delle preoccupazioni che sindaci e assessori messinesi hanno esternato ai funzionari dell'assessorato regionale alla Sanità nel corso della Conferenza sulla nuova Rete ospedaliera dell'azienda sanitaria provinciale con la distribuzione di posti letto e strutture. Avviata la fase di concertazione. 

Questa la bozza dei posti letto che saranno offerti dagli ospedali riuniti "Sant'Agata Militello-Mistretta". Sant'Agata: 6 posti letto Cardiologia con terapia sub intensiva, 12 Chirurgia generale e chirurgia oncologica, 16 Medicina Generale con Talassemia e Stroke, 12 Ortopedia e Traumatologia, 10 Ostetricia e Ginecologia, 10 Psichiatria, 6 Pediatria per un totale di 72 posti letto per Acuti; 8 sono i posti letto per i lungodegenti che porta al totale dei posti postacuti a 80 per il presidio di Sant'Agata militello con 5 unità operative complesse e 2 semplici. 
Mistretta: 10 posti letto Area Chirurgica con Punto Nascita, 13 Area Medica, 23 i posti letto in totale per gli Acuti; 40 i posti per il recupero e la riabilitazione funzionale, 20 per i lungodegenti per un totale di 60 postacuti e 83 in totale del presidio sanitario di Mistretta; 2 le Unità operative Complesse e 1 Semplice.


Patti: 14 Cardiologia e Unità coronarica con Emodinamica, 14 Chirurgia generale e Chirurgia Oncologica, 10 Chirurgia Vascolare, 12 Geriatria, 16 Medicina generale, 12 Ortopedia e Traumatologia, 14 Ostetricia e Ginecologia, 10 Psichiatria, 8 Terapia Intensiva, 16 Pediatria con unica Unità Operativa Utin, 2 Oculistica, 2 Otorinolaringoiatria, 4 Terapia sub intensiva per un totale di posti letto Acuti 134; 8 i posti letto per lungodegenti che fanno il totale dei postacuti; il totale del presidio di Patti è pari a 142. A Patti le Unità operative complesse saranno 9 e 3 le Semplici. 

fonte: Giornale di Sicilia 

Commenti

Post più popolari