I centri montani rischiano l’isolamento

TRASPORTI
Grido d’allarme arriva dal Consorzio Autolinee Regionali Siciliane. Le aziende di trasporto patiscono i ritardi con cui la Regione paga i rimborsi.

Francesco Triolo.
I contratti di affidamento sono scaduti o, per alcune aziende, vanno in scadenza proprio in questi giorni. ma il servizio delle ditte di trasporto che garantiscono le tratte extraurbane con i centri montani della Sicilia è considerato di pubblica utilità e non può essere interrotto. Dietro la porta, però, ci sono le banche a cui sinora le aziende di trasporto sono state costrette a rivolgersi per supplire i ritardi con cui la Regione paga i rimborsi chilometrici previsti dai contratti. 

Il grido d’allarme arriva dal Consorzio Autolinee Regionali Siciliane che raggruppa le aziende di trasporto, tra cui molte messinesi, che collegano i capoluoghi con i centri montani più piccoli.

“Terminato il regime delle concessioni – spiega il presidente, l’avvocato Giovanna Campagna – la Regione, nel 2007, ha stipulato dei contratti di affidamento provvisori che nel 2009 sono stati prorogati e che sono scaduti per alcune aziende, in scadenza nei prossimi giorni altre. Nei contratti erano previsti i pagamenti dei contributi a trimestri anticipati, ma questo non è mai avvenuto. Per affrontare i costi le aziende si sono dovute rivolgere alle banche che adesso, con contratto scaduto, potrebbero chiedere il rientro del debito. Di fatto sarebbe la fine per molti imprenditori”.

Il pagamento dei contributi, infatti, è fermo al primo trimestre 2015 e il rimborso chilometrico serve a coprire i costi di tratte definite sociali.

“Di media – spiega ancora la Campagna – in Sicilia il rimborso è di un euro a chilometro, contro 1,4 in calabria e addirittura 3 euro in Umbria. per coprire tratte come quelle che ad esempio collegano Messina a Condrò o Venetico si spendono 10.000 euro di carburante ogni settimana. Non possiamo rientrare con tre-quattro passeggeri a tratta, tocca quindi alla Regione coprire il costo sociale". 

fonte: gazzetta del sud 

Commenti

Post più popolari