Si sblocca l'Autonoma Sistemazione

ATTUALITA'
Sfollati sui Nebrodi. Liquidati ai comuni 485 mila euro. Oltre la metà a San Fratello, ecco tutti gli importi.

Giuseppe Romeo.
Il dipartimento di protezione civile regionale ha liquidato ai comuni dei Nebrodi circa 486 mila euro di risorse destinate al contributo di autonoma sistemazione per i nuclei familiari sfollati a seguito degli eventi atmosferici straordinari accaduti in provincia di Messina tra l’Ottobre del 2009 ed il Novembre 2011. 

Si tratta dell’atteso contributo previsto nelle varie ordinanze di protezione civile per cui, già nel Dicembre 2014, erano state accantonate 700 mila euro a carico del bilancio regionale. In quel totale erano compresi sia i centri dei Nebrodi, che subirono i fenomeni di dissesto tra il 2009 e il 2010,  che quelli della fascia tirrenica colpiti, questi ultimi, dalle alluvioni nell’autunno del 2011. 

Adesso sono giunti i decreti di liquidazione delle quote parti per ciascun comune, firmati dal capo dipartimento di protezione civile regionale Calogero Foti, a seguito dell’invio dai vari enti del prospetto di ripartizione dei cittadini aventi diritto al contributo di autonoma sistemazione e l’attestazione delle stesse amministrazioni comunale della spendibilità dei fondi entro il 31 Dicembre prossimo. 

Nel dettaglio per i Comuni nebroidei, sono state liquidate somme per 485.791,82 euro, così ripartite: San Fratello (€ 282.560,77), Castell’Umberto (€ 38.979,72), Raccuja (€ 38.400,00), Naso (€ 32.315,08), Saponara (e 27.584,95), Librizzi (€ 24.209,24), Sinagra (€ 10.267,65), San Filippo del Mela (€ 8.624,39), Sant’Angelo di Brolo (€ 8.512,80), Militello Rosmarino (€ 8.064,77), Ficarra (€ 6.272,60).  

L’erogazione del contributo per l’autonoma sistemazione è da tempo atteso da numerose famiglie che, proprio a seguito degli eventi calamitosi, hanno dovuto abbandonare la propria casa e trovare ospitalità presso strutture recettive o case in affitto. Da oltre due anni, infatti,  il contributo era stato sospeso e le risorse liquidate con il decreto firmato dall’ingegnere Foti lo scorso 8 ottobre, consentiranno di coprire parte delle richieste per l’anno 2014. Superava, infatti,  quota 1 milione 874 mila euro l’ammontare complessivo delle richieste che all’epoca del primo decreto del Dicembre 2014 erano giunte da ventuno comuni della Provincia al dipartimento regionale di protezione civile.

fonte: amnotizie.it

Commenti

Post più popolari