Via al progetto scuola-lavoro con 21 comuni del comprensorio

SCUOLA e LAVORO
Firmata una convenzione destinata agli studenti delle classi del triennio dell’Itt “Torricelli” di Sant’Agata Militello. Al progetto ogni comune destinerà un tutor che valuterà i compiti da assegnare agli studenti.

Mario Romeo.
All’iniziativa legata al progetto scuola-lavoro e promossa dall’Istituto tecnico industriale “Torricelli” hanno aderito, sottoscrivendo la convenzione, le amministrazione comunale di Sinagra, San Fratello, Castell’Umberto, Tusa, Mirto, Torrenova, Alcara Li Fusi, Longi, Motta d’Affermo, Brolo, Frazzanò, Pettineo, Galati Mamertino, Capri Leone, Castel di Lucio, Militello Rosmarino, Gioiosa Marea, Ucria, Sant’Agata Militello, Mistretta e Caronia.

È un progetto certamente entusiasmante per gli studenti e allo stesso tempo innovativo e di grande utilità per la pubblica amministrazione quello che l’Istituto tecnico industriale “Evangelista Torricelli” di Sant’Agata Militello ha voluto inserire nell’ambito della proposta scuola-lavoro presentata ai Comuni del comprensorio.

Nella convenzione, destinata agli studenti delle classi del triennio conclusivo dei rispettivi indirizzi di studio, e siglata ieri nell’aula magna dell’istituto dalla dirigente Venera Maria Simeone e dai sindaci e rappresentanti di ben 21 comuni dell’hinterland tirrenico-nebroideo, la scuola ha previsto l’effettuazione di campagne di misura dei parametri chimico fisici delle sorgenti idriche in carico alla pubblica amministrazione, la misura dei valori di campo elettromagnetico nel territorio, l’effettuazione di verifiche dello stato degli impianti elettrici ed elettronici negli edifici di proprietà comunale, l’effettuazione di misure dei parametri microclimatici degli stessi edifici, la consulenza sulle possibili procedure di gestione dei rifiuti solidi urbani e sulle possibilità di realizzazione di impianti di produzione di energia da fonti alternative ed infine l’assistenza informatica ed il supporto ai processi di archiviazione della pubblica amministrazione.

“La convenzione per l’alternanza scuola-lavoro – ha detto la preside Venera Maria Simeone – è finalizzata a favorire il coinvolgimento degli studenti stessi in una nuova metodologia didattica, che sperimenti l’approccio di alternanza scuola-lavoro, abituando i giovani a mettersi concretamente in gioco, in un’attività reale, che coinvolga in un’esperienza di gruppo e di problem solving, replicando in fase didattica l’ambiente lavorativo”.

fonte: gazzetta del sud

Commenti

Post più popolari