A caccia di funghi

ANCHE SUI NEBRODI
L’autunno porta con sé la voglia di praticare un hobby all’aria aperta. È ora di andare a caccia di funghi! L’area più funghifera in Sicilia è compresa fra Cesarò e San Fratello.

Il profumo è nell’aria. È ora di andare a caccia di funghi. L’autunno porta con sé la voglia di praticare un hobby all’aria aperta. Che richiede abilità e conoscenza dei luoghi, passione, occhio e anche un po’ di fortuna. I cercatori più esperti conoscono le fungaie come le loro tasche, ma non renderanno certo noti i luoghi dove andare a cercar funghi.

Porcini e ovuli sono i sovrani indiscussi del regno micologico. Prediligono terreni muschiati e rocciosi, con presenza di abeti e faggi. Ma le varietà micologiche sono moltissime in tutta la Penisola. I funghi sono di casa nei boschi nostrani, basta saperli trovare. Attenzione al tipo di vegetazione che è una cartina al tornasole per individuare le aree più adatte. Inoltre, dopo la raccolta è sempre bene portare i tuberi allo sportello micologico della Asl di territorio competente. Una verifica di commestibilità non fa mai male.

Anche in Sicilia e in Sardegna il fungo è di casa. L’antica Trinacria è ricca di zone e sentieri popolati di funghi, in particolare a Giarrita, (Catania). Da segnalare anche l’area del parco dei Nebrodi ( Messina), al cui interno crescono ghiotti boleti o il cosiddetto fungo d’uovo. L’area più funghifera è compresa fra Cesarò e San Fratello, lungo la strada statale 289, una tratta di circa cinquanta chilometri costeggiata da boschi prodighi di ogni genere di miceti.

Nel periodo a cavallo fra settembre e ottobre spuntano ovunque sagre che celebrano i funghi. A San Fratello generalmente la Sagra dei Funghi si svolge durante la Mostra Mercato Concorso del Cavallo Sanfratellano.

A.C.

fonte: stile.it


Commenti

Post più popolari