Emergenza rifiuti sulla SP 164 che unisce Acquedolci a San Fratello

ATTUALITA'
Degrado sulla principale arteria che unisce i due paesi. La strada è invasa dai rifiuti.


Percorrendo la strada provinciale 164 che congiungendosi con la statale 289 unisce i paesi di Acquedolci e San Fratello è impossibile non notare lo stato di degrado dell’arteria. 

Dalla mancata segnalazione delle corsie, alle pulizia della carreggiata e soprattutto della banchina sia di destra che di sinistra, bisogna segnalare un mal costume di passanti e viaggiatori abituali della principale arteria che unisce i due paesi vicini.

Una situazione che ormai ha trasformato la provinciale in una discarica a cielo aperto, con due o tre punti dove addirittura la spazzatura ha invaso per intero gli imbocchi verso i terreni limitrofi. Uno stato di degrado e un’emergenza ambientale nonché igienico sanitaria che allarma non poco i residenti e i proprietari dei terreni adiacenti la carreggiata. I cattivi odori sono solamente la punta dell’iceberg di un problema che fondamentalmente è culturale, poiché chi inquina sono principalmente gli stessi abituali frequentatori dell'importante arteria stradale.

Urge intervenire al più presto per evitare di accrescere un danno ambientale già grave, nonché un danno di immagine per tutto il territorio che punta fortemente allo sviluppo turistico per uscire dalla crisi lavorativa che attanaglia tutto il comprensorio.

L’emergenza rifiuti ha di recente scatenato forti proteste ad Acquedolci, con gli operatori ecologici che hanno incrociato le braccia per alcuni giorni a causa della mancata riscossione degli stipendi. In breve si è registrato un accumulo di spazzatura per le strade del comune tirrenico, ma l’emergenza sembra sia rientrata riportando alla normalità il centro acquedolcese, e perciò inammissibile il comportamento dei cittadini dell’intero comprensorio di Acquedolci e San Fratello. Nonostante un servizio ripristinato e la possibilità di conferimento direttamente presso l’isola ecologica di Acquedolci, si continua ad abbandonare la spazzatura lungo la strada trasformando i bellissimi panorami naturali in vorticose e nauseanti discariche abusive. 

Commenti

Post più popolari