Terremoti, molti comuni ancora senza piano di Protezione Civile

ATTUALITA'
Uno strumento utile ai cittadini per sapere come comportarsi e alle istituzioni per organizzare i soccorsi in caso di calamità.


Sergio Granata.
Tutti i comuni italiani devono avere un proprio piano di Protezione civile, un documento indispensabile per la prevenzione dei rischi e per le operazioni di emergenza. Lo prescrive la legge 100 del 12 luglio 2012 che ne richiedeva l’approvazione dopo 90 giorni dall’entrata in vigore della norma. 

Uno strumento utile ai cittadini per sapere come comportarsi e alle istituzioni per organizzare i soccorsi in caso di calamità. Eppure, a distanza di 4 anni dall’approvazione di quella norma sono ancora moltissimi i territori sprovvisti di un piano  di protezione civile per affrontare le calamità naturali. E molti di questi, circa 180, sono in un territorio dove possono verificarsi (o si sono già verificati) eventi catastrofici.

Il sito della Protezione civile raccoglie la lista, trasmessa dalle Regioni, di tutti i comuni che lo hanno approvato. Secondo questo database, aggiornato al 18 settembre 2015, il 77% degli 8mila comuni dispone di un piano. In Sicilia, su 390 comuni 190 ne sono dotati. Solo 19 lungo la fascia tirrenica del messinese ed i Nebrodi.

Dal sito della Protezione Civile emerge che sono in regola Militello Rosmarino, Capo d’Orlando, Naso, Brolo, Ficarra, Sinagra, Raccuja, San Piero Patti, Librizzi, Galati Mamertino, Novara di Sicilia, Castroreale, Falcone, Basicò, Barcellona, Milazzo, Terme Vigliatore, Piraino e Santa Lucia del Mela
La legge, però, non prevede sanzioni per chi non la rispetta e né controlli sulla qualità dei piani. Per questo restano in tanti a non aver ottemperato.

Fonte: amnotizie.it

Commenti

Post più popolari