Il bilancio positivo del Parco dei Nebrodi

ATTUALITA'
La giornata ha costituito inoltre l’occasione per la cerimonia di  conferimento del marchio Nebrodi Sicily alle aziende impegnate e  strettamente legate al “sistema Parco”.

Teresa Sanfilippo.
Presentazione delle attività realizzate nel corso del 2016, delle strutture certificate con il marchio Nebrodi Sicily e del calendario del Parco per l’anno 2017. Con la tradizionale conferenza stampa di fine anno il Presidente Giuseppe Antoci ha ripercorso il lungo 2016 del Parco dei Nebrodi. 


Un anno di forte impegno e dedizione al territorio e sicuramente unico. Riepilogati da Giuseppe Antoci gli avvenimenti salienti dell’anno, che  hanno registrato trend in crescita per la destinazione Nebrodi e che  lo hanno visto in prima linea contro l’illegalità: dall’affitto dei  terreni alle associazioni mafiose, alla lotta ai piromani,  all’abigeato e alle macellazioni clandestine. La giornata ha costituito inoltre l’occasione per la cerimonia di  conferimento del marchio Nebrodi Sicily alle aziende impegnate e  strettamente legate al “sistema Parco”.


Si tratta di donne e uomini fortemente impegnati nel miglioramento  della qualità territoriale – commenta Giuseppe Antoci – un intero  sistema fatto di persone, aziende, tradizioni e storia di cui tutti,  orgogliosamente, facciamo parte. Sono 22 le prime strutture certificate, presso le quali sarà possibile  soggiornare, degustare, acquistare prodotti di qualità che  permetteranno a ciascuno di portare a casa un “pezzetto dei Nebrodi” e  permettere anche un viaggio sensoriale alla scoperta dell’area  protetta più grande di Sicilia e tra le più grandi d’Europa. Spazio anche alle nuove leve: presentato il calendario del 2017 che,  con le immagini di Marco Compagno, giovane fotografo del territorio, intende portare un messaggio positivo, quell’invito al viaggio ma soprattutto all’accoglienza ed alla tradizione dei Nebrodi, come un  ideale ponte tra passato e futuro. 

Per questo motivo il Parco ha lanciato, con l’occasione, un concorso  fotografico finalizzato alla selezione di nuovi talenti per  l’acquisizione di immagini rappresentative del territorio, da  utilizzare per il prossimo calendario e per fini istituzionali, al  fine di veicolare il nome del Parco grazie alle risorse umane del luogo. Insomma un anno strepitoso conclude Giuseppe Antoci. 365 giorni da  ricordare e solo una notte da dimenticare, quella fra il 17 e 18  maggio: di quella voglio solo si ricordi il coraggio e il senso del  dovere di quei poliziotti che, rischiando la loro vita, hanno salvato  la mia riportandomi a casa dalla mia famiglia. A loro e a tutte le  Forze dell’Ordine va il mio grazie.

fonte: amnotizie.it

Commenti

Post più popolari