Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2021

Chi si affaccia da quella finestra spalancata?

Immagine
  di Carmelo Emanuele. “Una finestra spalancata sulla Rocca” è il primo romanzo firmato da Mary Manasseri e Lia Ricciardi. La Rocca è quella di San Fratello, cornice e teatro di un romanzo dalle mille sfaccettature poiché ambientato su tre tempi diversi. Il nodo del tempo che scorre è come un sentiero perduto perché una maledetta frana ha cambiato i destini di tanti sanfratellani, compresi i protagonisti del romanzo. In un quadro che cambia col tempo, e che ci mostra ambienti diversi seppur connessi da un filo conduttore che tiene incollati i lettori, i nostri protagonisti si riflettono in un tappeto di specchi, molti di questi rotti dalla Seconda Guerra Mondiale e da una disgrazia che conoscono bene tutti i Sanfratellani; in maniera indiretta tramite i racconti degli anziani, oppure direttamente visto che il tempo ha riacutizzato quel dolore nel cuore di questo sfortunato popolo, con l’ultimo dissesto del 2010. Protagonisti che appaiono come dei ricercatori, nel tentativo di racco

La purzian dû Venardì Sänt- "Mparuoma a scrivir u sanfrardean" cuors did...

Immagine
“La purzian dû Venardì Sänt” di Benedetto Di Pietro (1942-2019) tratta dal suo libro “ Â tarbunira” ed. Il Lunario Enna 1999 Registrata e recitata dall’autore in Galloitalico di San Fratello Video – Carmelo Faranda La purzian dû Venardì Sänt U Venardì Sänt a San Frareu li campeuni eru ancara attacchieri; nieucc carusgì avimu avisitea i Samuorch. Li Pepanini avàiu giea vistira la Rrigina Ndulurära. La giant si ng’anäva a la crièsgia dû Cuvant: di ddea partiva la purzian. Li tràcculi scattievu n san curiaus e li figghji di Maria vistiri di bleanch cumunzävu a sfiler. Cû päli di San Mniritu i Babalucc ntunävu i damant a sett vausg e u zzu Ntunìan Pidica fasgiàia u besc. Saura di na bära d’oliva cu i barruoi greng cam di erbu di näv ghj’era u Santissim Curcifizzi: marturiea, pedd e assi, mart pî nasc pichiei. Quoi ch’avaiu u vaur s’avisgiunävu suotta pi purter la Putanza dû maun e avaiu la spädda nura; mestr Antunìan Conti pighjieva li uastedi, li rrumpiva a n quättr, a li cièji l

La carchièra - "Mparuoma a scrivir u sanfrardean" cuors didichiea a Ben...

Immagine
“La carchièra” di Benedetto Di Pietro (1942-2019) tratta dal suo libro “ Â tarbunira” ed. Il Lunario Enna 1999 Registrata e recitata dall’autore in Galloitalico di San Fratello Video – Carmelo Faranda La carchièra La carchiera si mangieva li rrachi fitegni e li rrachi scaväri ntô beuzz. Quarantuott auri di dusg sanza mei abunter di fascini di sarmanti, stripuoi, rrämi di stìanch e era quazzina fätta. I carcarer ghji dasgiaiu fart cu li mäzzi e u peu di ferr a scarpieu. N carp e mezz gir, n carp e mezz gir. Si smangieva la rraca e ciràia adieg adieg fìna a fer n pirtus di mezz metr e cchjù. S’aparäva cu la puovr e la miccina e si anciva di cièpula rruossa. Di la zzima dû beuzz gridäva na vausg: A uòi! A vieeucc, amucciav! V’abbrusgia! V’abbrusgia!” Mieuma mi strascinäva nta la ièngara e cu li mei mi ntuppäva uogg e arogi. Sparäva dintean la rraca, si susiva la nègia e pighjieva la gaula. Tra la curva di Mascarìan e la turnära di Rracataghjiera la chieva quoda vauta sparea da s

Sui luoghi di San Benedetto il Moro a San Fratello con un Nuovo Sole per...

Immagine
Sui luoghi di San Benedetto il Moro a San Fratello con un Nuovo Sole per l'Italia

Nel cuore antico di S. Fratello, le emozioni affiorano - Sicily Walking ...

Immagine
Vicoli antichi che ci lasciano qualcosa dentro... tra i nostri passi circondati da intensa genuinità respiriamo un piacevole profumo, quello della storia. Seguiteci anche sul canale youtube Bella Sicilia Un video in presa diretta per rendere il tutto ancor più naturale

Viaggio Sui Monti Nebrodi da San Fratello a Cesarò Boschi Siciliani Inverno

Immagine
Chi ha detto che la Sicilia è bella solo d'estate?!? Leggende metropolitane o scuse di qualche turista che non riesce a "vacanzeggiare" in inverno perchè lavora e quindi sostiene questa tesi. Ma la Sicilia è BELLA SEMPRE! Oggi siamo lungo la Strada Statale 289 che porta dal lato tirrenico siciliano a quello ionico, questa strada è bella! Punto. Stiamo parlando della strada ribattezzata TransNebroidea, perchè attraversa tutti i monti nebrodi, arrivando al punto più alto sito in Portella Femmina Morta / Monte Soro circa 1.350 Mt.S.L.M. questa strada porta da Sant'Agata Militello - Acquedolci fino a giungere a Catania, attraversando i comuni di: - San Fratello, Cesarò, San Teodoro, Maniace, Bronte, Adrano e da lì tutti i comuni Etnei fino ad arrivare al capoluogo etneo. Ma la strada non è soltanto una via per arrivare da una parte all'altra, ma è anche ricca di luoghi d'interesse naturale e paesaggistico. Lungo la strada ci sono diversi punti dove fermarsi e fa

Sicuramente una piccola lacrima scenderà - San Fratello (ME) 2021

Immagine

Mija rau - "Mparuoma a scrivir u sanfrardean"

Immagine
“Mija rau” di Benedetto Di Pietro (1942-2019) tratta dal suo libro “ Â tarbunira” ed. Il Lunario Enna 1999 Registrata e recitata dall’autore in Galloitalico di San Fratello Video – Carmelo Faranda Mija rau –Mija rau chi iev ssa grean furtuna; son iegn chi ni si vò cchjù n gir –. Chercun si ng’aprieva, chercun avàia la nvìria: pinsämu a l’Amerca, a li sigaroti cû filtr, a li mächini dangui, a la peaga grässa di fini simeuna. Ma quänn pû giuorn dî mart s’anäva ô chiemsänt p’abbierghj li vausg saura di li crausg cu i numar e saura di li valäti di märmu, a vauti cu li scritti feuzzi (una disgiàia chi ddea suotta ghj’era n lätr d’irreprensibili costumi), la saua fotografia era attacchiera ô mur e mi sfuttiva a tucc cam èrimu e mi fasgiaia iebr pi la saua grean furtuna. Beato lui – Beato lui che ha avuto una così gran fortuna sono anni che non si vede più in giro –. Qualcuno ne era felice, qualcuno soffriva d’invidia, pensavamo all’America, alle sigarette col filtro, alle macchine lun

[Mparuoma a scrìvir u Sanfrardean] Uottäv apuntamant: articoli

Immagine
"Mparuoma a scrìvir u Sanfrardean" - Uottäv apuntamant: articoli Bangiuorn, chier amisg e amieji di Facebook. Nta quost uottäv apuntamant studiuoma ghj’articul. Cam n Italiano, palu éssir: 1) indeterminativi, 2) determinativi. 1) indeterminativi - n (masch), na (femm.). Es. N carusìan, n tavulìan; na giurnära, na teula, na vauta. Nati a) d'artìcul "n" ni si apostrofa mei, cam n Italiano, e: - arresta sampr "n" davänt a paradi ch'acumanzu cu na consonante e puru cu la vocale “i- cumpuru ch'auoma prununzier “ng” (es. n tavulìan, n tar, n trisar, n maieu, n iengiu, “pron. ngiengiu”); - adivanta "ng" davänt a paradi ch'acumanzu cu la vocale "a-, o-, u- opuru cû dittongo ua-, uo-. Es. ng ùrtim salur, ng animeu, ng orf, ng uazzieu, ng uotar, ng uorm … - adivanta "ngh" davänt a paradi ch'acumanzu cu la vocale "e". Es. ngh erbu… b) d'artìcul "na" nvecc si pà apostrofare, cam n Ital

Caunt - "Mparuoma a scrivir u sanfrardean" cuors didichiea a Benedetto D...

Immagine
Caunt di Benedetto Di Pietro (1942-2019) tratta dal suo libro “ Â tarbunira” ed. Il Lunario Enna 1999 Registrata e recitata dall’autore in Galloitalico di San Fratello Video – Carmelo Faranda Caunt Rricch di criesgi sdiruppäri s’apprisanta San Frareu e li chiesi sanza vita. E cam pulìi tu, Santanicala a cuntinuer a uarder u Maunt Vecchj se ti squazzävu d’abanaun e la mizièria? E tu chier crest dû Cuvant antiegh a vìvir, dann d’asàmpiji ô carusìan cu li simanzi dû martìriji? Cam era bel, vecchja Maria quänn mi cuntävi di n Venardì Sänt cun Crist mart saura di d’ater a virar li maieri ders cunviegna e na schiela dangua dangua purterli fina ô tamp pi spier. E n zzima a Rracafart furmers u dämp pi mièghj virar nta la nuott a Pietr e a ghj’ieucc a zzircher d’am pirdù! Cam era bel, vecchja Maria! Nièucc mi ng’anämu a diet Cû suspiet, avitann di sàntir li maieri argicher nta la maida u pean arfiutea u giuorn avänt. Ara i cavei a San Frareu ni quazzìu cchjù. Li maieri dascìan la chji

Parco dei Nebrodi - Lago Maulazzo - Drone

Immagine
Il lago Maulazzo è stato realizzato artificialmente dalla Forestale negli anni '80 per favorire la biodiversità delle specie nel Parco dei Nebrodi. Si trova tra i comuni di Cesarò e San Fratello, per raggiungerlo in inverno consigliamo di lasciare l'auto nel parcheggio a 2,5 km e proseguire a piedi, perchè la strada sterrata per raggiungerlo si riempie di neve. Il 20 Febbraio 2021 lo abbiamo trovato per metà innevato e metà no, probabilmente per l'alta temperatura parte della neve che i giorni precedenti lo ricopriva tutto si è sciolta. Si possono incontrare lungo il percorso: suini neri dei Nebrodi, Cavalli, pecore e mucche al pascolo, diverse specie di uccelli e anatre.

Nessuna disputa, nessun dubbio per la scrittura di “San Frareu”

Immagine
  Per la denominazione gallo-italica di San Fratello non c’è spazio per alcuna disputa o dubbio. E’ infatti unanime la tradizione culturale: tutti gli studiosi, già a partire dall’Ottocento, hanno sempre e unicamente scritto San Frareu; bisogna invece attendere la fine degli anni ‘80 per ritrovare improvvisamente l’indicazione toponomastica con la scritta San Frareau basata esclusivamente su una presunta percezione auditiva, “a arog”, senza il pur minimo rispetto per l’etimologia del termine. E’ interessante innanzi tutto   notare che il Gallo-italico, mentre negli altri centri dello stesso ceppo (Aidone, Nicosia, Sperlinga, Piazza Armerina, Novara Sicilia, Montalbano, ecc.) subiva una pesante contaminazione dal siciliano, restando patrimonio parlato solo per studiosi ed appassionati, a San Fratello si preservò e negli anni ’60 ricevette linfa vitale dall’utilizzo che ne fecero studenti e professionisti riscattandolo da certi negativi pregiudizi. Ma il vero e grande fervore si eb