Grande partecipazione per i festeggiamenti in Onore a San Benedetto il Moro

Il giorno della festa di San Benedetto è il momento migliore per apprezzare la genuinità, la bontà e le virtù speciali del popolo Sanfratellano.


di DARIO SIRNA.
Anche quest’anno il 17 settembre nella comunità religiosa di San Fratello è stata celebrata la festa di San Benedetto il Moro. L’evento religioso ha richiamato tantissima gente anche dai paesi vicini ed è molto sentito dalla popolazione locale. San Benedetto il Moro è il patrono di San Fratello eletto dal popolo al pari dei Tre Santi Alfio, Filadelfio e Cirino, e gode perciò di grande devozione da parte dei fedeli di questo centro dei Nebrodi.

Forse però è improprio parlare di devozione, e per capire meglio il sentimento che lega ogni sanfratellano a questo Santo bisogna nascere, crescere e vivere in questa favolosa comunità siciliana. Uno dei momenti particolari nel corso dell’anno in cui è possibile toccare con la proprie mani questo profondo amore esistente tra il Protettore di San Fratello e i suoi cittadini è proprio quello della festa.

La partecipazione ai festeggiamenti in onore di San Benedetto il Moro non solo, infatti, riunisce tutti gli abitanti intorno al Santo, ma permette anche a ciascuno di loro di esprimere chiaramente e senza inibizioni il proprio rapporto interiore con questa grande figura cristiana.






Per chi proviene dall’esterno e non conosce le tradizioni di San Fratello il giorno della festa di San Benedetto il Moro è il momento migliore per apprezzare la genuinità, la bontà e le virtù speciali di questo popolo. La festa è infatti occasione importante per scrutare nell’interiorità dei devoti e contemplare la bellezza del loro cuore.

San Benedetto il Moro, nato a San Fratello, ha piantato le sue radici in questa terra, formando tramite esse un legame importante che lega ogni fedele a Cristo Gesù. Il vero segreto della grandezza e della bellezza di San Fratello sta nella santità di San Benedetto il Moro e il vero segreto della santità di San Benedetto il Moro sta in Cristo Gesù.


Questo passaggio non è semplice e non è neanche scontato e dovuto, esso è grazia concessa da Dio. Quando l’amore raggiunge la purezza della santità basta l’offerta di una sola persona per condurre al bene e alla salvezza tutti gli altri. San Benedetto il Moro è testimone di questo processo, egli lo ha compreso e lo ha adottato nella sua vita a vantaggio di tutti. Il Suo cuore docile a Dio e al bene, la sua indole umile e incline all’obbedienza lo hanno reso amico di Cristo, suo discepolo, suo servo, suo seguace nella ricerca dell’amore.

La devozione a un Santo è gratitudine che attraverso questo Intermediario si esprime a Dio per averci concesso il dono della salvezza in Cristo Gesù. Nella festa di San Benedetto il Moro i frutti di questa santità sanfratellana sono eloquenti e si esprimono attraverso l’atteggiamento manifestato dai fedeli nei confronti del Signore. L’amore per Benedetto il Moro è un amore di gratitudine, un amore cioè che nel Santo vuole ringraziare Dio stesso per avere concesso a tutto il popolo di San Fratello il dono di una via privilegiata attraverso la quale trovare in Cristo la certezza del Paradiso.


Questa via comunica a tutti il desiderio e la necessità della conversione immediata. La statua di San Benedetto il Moro porta in braccio Gesù Bambino, stringendolo in una posizione tale da rendere possibile una doppia lettura di tale gesto. Cristo si consegna nelle mani del Santo e si fa bambino bisognoso del suo amore. Questo atteggiamento serve per farci comprendere il grande valore della chiamata ricevuta da Benedetto. Dio nel donarsi all’uomo si fa piccolo come un bambino e, in questo modo del tutto particolare e geniale, Egli desidera entrare nella vita di ogni uomo e farne parte.

Altro atteggiamento suggerito dalla statua è quello del Santo che avendo ricevuto da Dio la grazia del dono di Cristo lo offre al mondo intero con tutto se stesso come espressione massima del suo amore. Egli nell’offrire Cristo al mondo lo dona con la semplicità, la bontà e la bellezza di un bambino. In questo modo egli indica al mondo intero la gratuità del dono della salvezza concesso da Cristo a tutti. Il legame tra San Benedetto il Moro e Cristo è dunque un legame di forte tenerezza che fonda le sue basi sulla mitezza e sull’umiltà del Signore.










  
Certamente tra San Benedetto il Moro e Cristo esiste un amore speciale e unico, un amore che ha concesso al mondo intero di accedere alla grazia del favore divino per mezzo di questo nostro Santo siciliano. Ed è proprio questo grande amore che viene celebrato nella festa in onore di San Benedetto il Moro. La vita stessa di questo Santo altro non è che il perpetuarsi della celebrazione di questo amore, così come la liturgia della Chiesa nel fare memoria di questa vita speciale altro non fa che celebrare tale amore.

La statua stessa liturgicamente esalta e celebra tale relazione amorosa, così come chiaramente si evince dagli sguardi con cui i volti delle due figure sono tra di loro legati. 




Commenti

Post più popolari