Lo scetticismo dei sindaci sul Consorzio dei Nebrodi

In passato si voleva la nascita della provincia nebroidea, ma le recenti esperienze negative fanno riflettere gli amministratori locali.

L’hanno chiamata riforma epocale, svolta, autentica rivoluzione. In realtà quella delle Province nient’altro è che una grande legge di principio, una sorta di cornice normativa. 

La riforma, infatti, oltreché passare una “mano di vernice” sul nome Province, trasferendo automaticamente ai nuovi enti la titolarità dei rapporti giuridici, e prolungando fino ad ottobre il regime dei commissariamenti, ancora sembra avere tanta strada da percorrere affinché quella cornice sia riempita con una tela di valore che contenga la sostanza, le competenze e le risorse in concreto.

Il senso di scetticismo diffuso e di vuoto normativo è quello che effettivamente si percepisce sul territorio dei Nebrodi. Nel passato, più o meno recente, spesso il dibattito si era soffermato proprio sull’ipotesi di una nuova provincia dei Nebrodi che andasse a raccogliere tutti quei comuni, collinari, montani e costieri che gravitano attorno all’asse che da Santo Stefano di Camastra conduce sino a Patti, con Sant’Agata e Capo d’Orlando in naturale posizione baricentrica e di leadership.

Se l’idea si era affermata nel tempo, e della stessa si era persino avuta qualche prova concreta grazie ai vari organismi sovra territoriali, non sempre senza problemi e lati oscuri, vedi Piano strategico Nebrodi Città Aperta, lo stesso Parco dei Nebrodi o le esperienze delle Ato e delle più recenti ed ancora in fase di prova Srr e Gac, oggi, a fronte della mutata situazione normativa “vuota” delle Province, paradossalmente la nozione di libero consorzio sembra, almeno in questa fase, allontanare anziché avvicinare i comuni del territorio.

I sindaci, in particolare quelli dei cosiddetti comuni capofila, non sembrano apprezzare la nascita dei Consorzi. C’è scetticismo soprattutto dopo le negative esperienze di accorpamento, in un vasto territorio caratterizzato da 150.000 abitanti distribuiti in circa venticinque comuni dalle mille e più esigenze.

Si sottolinea in maniera specifica anche la situazione opposta di interessi primari fra paesi costieri e collinari, i primi devono spesso lottare contro una esasperata cementificazione edilizia che mette a serio rischio il territorio, i secondi puntano principalmente a contrastare l’esodo costante che sta svuotando i monti Nebrodi a causa della scarsa offerta lavorativa e della carenza di servizi. [fonte: Gazzetta del Sud]  

Commenti

Post più popolari