Novità editoriali sul dialetto sanfratellano

Nelle librerie uno studio del prof. Pino Foti sulla Fonetica del galloitalico di San Fratello.  

Proprio su questo sito, nel settembre dello scorso anno, in seno alla notizia sui lavori del Convegno di Terrasini «Variazione linguistica e etnodialettologia fra nuovi modelli e nuove aree di investigazione» (http://sottolapietra.blogspot.it/2013/09/il-galloitalico-di-san-fratello-palermo.html), informavamo dell’imminente pubblicazione di un saggio sulla fonetica del galloitalico sanfratellano, ad opera del nostro concittadino prof. Pino Foti. A distanza di qualche mese il libro, intitolato “Fonetica storica, fonologia e ortografia del dialetto galloitalico di San Fratello”, giunge alla distribuzione.

Il testo, edito dal “Centro di Studi Filologici e Linguistici Siciliani”, è il trentaquattresimo numero della collana “Materiali e ricerche dell’ALS”. Lo studio si inserisce quindi nel contesto dell’Atlante Linguistico della Sicilia.

L’opera, diretta dal prof. Giovanni Ruffino dell’Università di Palermo, si distingue per la modernità dell’impianto modulare, articolato in monografie, carte linguistiche, lessici dialettali, comprese le varietà galloitaliche dell’Isola.

Come suggerisce il titolo, il libro del prof. Foti studia i suoni vocalici e consonantici del nostro galloitalico, gettando luce sul livello di base della grammatica del sanfratellano, ovvero la Fonetica. Lo studio sistematico del livello fonetico consente, inoltre, all’opera di dare fondamento alla proposta ortografica per la scrittura del nostro dialetto.

La lettura delle prime pagine del testo evidenzia l’ambito nel quale il lavoro è stato condotto. La premessa, firmata dal prof. Salvatore C. Trovato, direttore del “Progetto Galloitalici” nel Dipartimento di Scienze Umanistiche di Catania, ci informa che lo studio è maturato proprio all’interno delle attività di ricerca sui dialetti settentrionali dell’Isola, condotte nell’Università etnea. Il prof. Trovato ha sovrinteso alla stesura della monografia, guidandone la redazione attraverso la sua lunga esperienza di studio.

Scorrendo l’indice, si può notare che il saggio analizza tutti i suoni del sanfratellano secondo una prospettiva duplice. Nella prima parte, tutte le vocali, i dittonghi e le consonanti del sanfratellano sono studiati nella prospettiva storica, ovvero quali sviluppi dei suoni della lingua latina, e nel confronto puntuale con i dialetti settentrionali di provenienza e con il siciliano. 

Nella seconda parte, i suoni vengono invece analizzati nella loro condizione attuale, gli uni in opposizione agli altri, al fine di ricostruire l’inventario dei fonemi del nostro sanfratellano. Il sistema ortografico, la scrittura del sanfratellano studiata nel testo, si fonda su queste due irrinunciabili premesse, ed è introdotto dalla rassegna delle precedenti esperienze di scrittura, a partire da quelle degli informatori di Lionardo Vigo, risalenti alla metà del XIX secolo, passando per l’ortografia di Luigi Vasi, fino agli scritti più recenti di Benedetto Di Pietro. 

In quest’ambito, la monografia di Pino Foti riprende e ricalca il sistema studiato già nel 1999 dal prof. Trovato per lo stesso Di Pietro, allontanandosene solo per pochi aspetti.

Il percorso sulla conoscenza del sanfratellano si arricchisce quindi di un’opera che consente l’adozione di una scrittura motivata e fondata su uno studio sistematico. Ove condivisa e diffusa, alla luce delle chiare argomentazioni, la proposta presentata nella monografia consentirebbe al sanfratellano di continuare ad essere trasmesso, come già avviene, attraverso la scrittura, ma fruendo ora di un saldo e motivato punto di riferimento ortografico. È forse superfluo osservare quanto il prestigio del nostro dialetto possa crescere attraverso una produzione letteraria che adotti un sistema unico, diffuso e argomentato attraverso lo studio grammaticale. L’auspicio è che tutto questo possa presto diventare realtà.

Per tutti gli interessati, segnaliamo che il testo è già nelle librerie convenzionate con il Centro di Studi Filologici e Linguistici Siciliani e può essere acquistato attraverso il sito del Centro, seguendo le istruzioni fornite a questo link: http://www.csfls.it/la-distribuzione/


Il saggio è inoltre disponibile nelle principali librerie on line come IBS, ed è acquistabile ai seguenti link: 



Attraverso il sito del Centro di Studi e gli stessi siti delle librerie on line, si possono inoltre acquistare le altre pubblicazioni del CSFLS sul patrimonio linguistico siciliano, e altre due opere dedicate alle varietà galloitaliche della Sicilia: il “Vocabolario-Atlante della cultura alimentare nella ‘Sicilia lombarda’” di Salvatore C. Trovato e Alfio Lanaia, e il “Vocabolario del dialetto galloitalico di Aidone” di Sandra Raccuglia.




Commenti

Post più popolari