Carnevale 2015, Stasera chiusura con la sfilata dei carri allegorici e balli per le vie cittadine

Per il terzo anno consecutivo ancora un bilancio positivo degli eventi legati al Carnevale.

di Carmelo Emanuele.
Terminerà alle prime ore dell’alba di domani la kermesse legata alle manifestazioni carnevalesche di San Fratello. Anche in questa edizione seppur non si sono registrate le presenze record dello scorso anno, dovute anche alla mancata realizzazione di eventi analoghi nei paesi limitrofi, si sono comunque raggiunti numeri importanti durante le sfilate dei carri allegorici e le serate di ballo.

Per il terzo anno consecutivo, quindi, San Fratello è teatro di una grande festa di carnevale che ha coinvolto tutto il centro cittadino. I carri allegorici realizzati a San Fratello, grazie alle associazioni locali e a gruppi di volontari hanno sfilato lungo le vie cittadine accompagnati dalla festosa atmosfera carnevalesca e da gruppi in maschera.

Azzeccate ancora una volta le date, che non si sono sovrapposte al Carnevale della vicina Acquedolci, consolidata manifestazione che si svolge da ormai decenni, e che vede una gran partecipazione di Sanfratellani; o ad eventi molto noti in tutta la Sicilia, come il Carnevale di Acireale, meta anche quest’anno di numerosi cittadini di San Fratello. 

Oggi, però, la chiusura spetta anche al centro montano che porterà i carri allegorici e i gruppi in maschera per l’ultima volta nel 2015 nelle vie principali e poi in piazza Ricca Salerno dove si ballerà fino a tarda sera, per continuare nel consueto veglione fino alle prime luci dell’alba.

Simbolica la sfilata svoltasi sabato 14 febbraio, che racchiude tutta l’essenza di un popolo, che solamente cinque anni fa viveva momenti terribili con il pericolo dissesto, ed oggi invece guarda avanti con un po’ di ottimismo e qualche speranza di rinascita. 


Sulla storia del carnevale di San Fratello, bisogna ancora rintracciare le sue origini non certo recenti come molti potrebbero erroneamente pensare. Lontano da carri allegorici e maschere odierne, infatti, il centro montano fu sede di eventi carnevaleschi che principalmente avevano lo scopo di portare sotto i riflettori fatti di cronaca locali avvenuti nell’ultimo anno, con una specie di rappresentazione teatrale non sempre gradita a tutti, ma sicuramente di grande effetto, con un impatto emotivo e scenografico particolare per il tempo. 

Fu lo stesso Benedetto Rubino - storico nato a San Fratello e trasferitosi dopo la frana del 1922 nell’allora frazione di Acquedolci - a menzionare nei sui scritti alcune manifestazioni carnevalesche di San Fratello che poi nel tempo hanno avuto solo di rado un seguito, fino a sparire negli ultimi decenni. Mentre come da tradizione, già domani il popolo di San Fratello, riposto il costume di carnevale si preparerà ai riti della Settimana Santa, unica al mondo con la presenza dei caratteristici "Giudei".

foto di Salvo Genovese

































  

Commenti

Post più popolari