Bocciato il conto consuntivo, si profila l’intervento di un commissario ad acta

Il revisore dei conti aveva certificato con il proprio parere favorevole, ma aveva altresì evidenziato alcune criticità.

di Giuseppe Romeo.
Il consiglio comunale di San Fratello ha bocciato il conto consuntivo 2014 all’ordine del giorno della seduta di mercoledì sera. Assente l'indipendente Filadelfio Ziino e il consigliere Fortunata Cardali di maggioranza, il consuntivo presentato dall’Amministrazione Fulia si è arenato con sette voti contrari, quelli dei cinque consiglieri di opposizione e degli indipendenti Bosco e Scianò e i sei favorevoli del gruppo in appoggio al sindaco.

Prima del voto, in aula c’era stato l’intervento del revisore dei conti, la dottoressa Tina Musile, che aveva certificato quel conto consuntivo con il proprio parere favorevole, al pari di quello del ragioniere del comune Antonino Rubuano, per la corrispondenza dei dati contabili con le scritture agli atti, ma aveva altresì evidenziato alcune criticità.

In particolare, secondo il revisore, quel conto consuntivo non rispetterebbe i valori minimi per soddisfare sei dei nove parametri obiettivo necessari all’accertamento. Tra le criticità più importanti rilevate. Il mancato riconoscimento del debito da 871 mila euro legato alla transazione con la famiglia Mancuso per chiudere il contenzioso giudiziario, passato in giudicato, sull’esproprio di un terreno, la gestione dei residui attivi e passivi e la mancanza di un progetto di ripiano degli equilibri a copertura dei debiti fuori bilancio.

Sulla scorta di queste osservazioni, già esplicitate nel corso della seduta di commissione bilancio prima del consiglio comunale, i rappresentanti del gruppo di opposizione e gli indipendenti hanno quindi scelto di votare contro, contestando anche il mancato utilizzo del residuo 2013 per circa 500 mila euro, che secondo il revisore si sarebbero comunque potuti spendere nel bilancio 2015. 

A questo punto, per l’approvazione del consuntivo 2014 per il Comune di San Fratello sarà affidata ad un commissario straordinario ad acta, che dovrà entro 20 giorni, riconvocare il consiglio per l’approvazione o, in caso contrario, approvarlo d’ufficio a pena di scioglimento del civico consesso.

fonte: Gazzetta del Sud

Commenti

Post più popolari