Il recupero dell'Impianto Polivalente Paolo Carroccio passa dal consiglio comunale

POLITICA
Martedì mattina il civico consesso sarà chiamato a votare il mutuo con il credito sportivo per realizzare un Centro Sportivo all'avanguardia.

Carmelo Emanuele.
Verrà deciso martedì mattina il futuro dell'Impianto Sportivo Polivalente Paolo Carroccio, struttura fatiscente sita in c/da Selva a San Fratello che da anni è ormai in stato di abbandono. Il Comune di San Fratello infatti ha presentato un progetto per il recupero e la realizzazione di un Centro Sportivo omologato dal CONI. Il mutuo con il credito sportivo sarà poco meno di 150 mila euro, che l'ente dovrà restituire in dieci anni a tasso zero.

Si cerca una mediazione tra le vari correnti politiche per evitare di perdere un'opportunità, cioè non solo la realizzazione di un'opera inaugurata nel 2003 e mai completata, ma un centro polifunzionale con relativa omologazione CONI, per svolgere eventi agonistici e corsi di formazione sportiva.

Il progetto prevede un nuovo impianto di illuminazione, sistemazione delle reti di sostegno, sostituzione delle porte e del manto erboso del campo di calcio a 5, panchine, bagni, spogliatoi, magazzini e completamento del campo polivalente pallacanestro, pallavolo e tennis.

Purtroppo non tutti sono ancora convinti sull'investimento di tale somma, considerata eccessiva, preferendo invece una spesa minore con poche migliaia di euro per rendere la struttura fruibile ai cittadini. In tal caso l'impianto non verrà omologato per la gare sportive agonistiche, oltre al fatto che resterà incompleto e non rispetterà le norme igieniche e di sicurezza.

Bisogna capire che sono questi gli investimenti veri per dare un futuro a San Fratello. Oltre al valore sportivo con tutti i benefici collegati principalmente alla salute dei cittadini, dietro a queste opere, infatti, c'è un intero movimento economico che arricchisce l'intero territorio, con gare ed eventi che spesso portano a San Fratello decine di migliaia di persone nell'arco di una sola stagione sportiva. 

E' ormai risaputo quanto lo sport sia indirettamente anche una vetrina per il turismo, basti pensare al valore mediatico di un qualsiasi evento sportivo, come ad esempio la pista di sci a Portella Femmina Morta, o le partite dell'ASD San Fratello (giovanili e prima squadra), ed ancora, il trekking a piedi o a cavallo nel suggestivo bosco; senza dimenticare le tappe ciclistiche: su queste ultime bisogna precisare che la SS 289 Ponte Inganno-San Fratello-Cesarò, nonostante si presti egregiamente alle gare sulle due ruote, solo recentemente è stata inserita in qualche circuito di tappa minore, ma è già un buon inizio.



  











Commenti

Post più popolari