Salvato il Centro Sportivo Paolo Carroccio

POLITICA
150 mila euro per restituirlo come nuovo ai giovani di San Fratello. Approvati due emendamenti, un terzo che riguardava l’Impianto Polivalente di contrada Selva è stato ritirato dall’opposizione, oggi si continua a discutere sul Bilancio.

Si è riunito ieri e lo farà di nuovo oggi a distanza di 24 ore, il Consiglio di San Fratello, chiamato ad approvare il bilancio di previsione 2015 ed il pluriennale 2015-2017, su convocazione del commissario ad acta Angelo Sajeva, nominato dalla Regione.

Il civico consesso è chiamato ad approvare, seppur in fortissimo ritardo, lo strumento di programmazione finanziaria al cui schema presentato dalla Giunta erano stati proposti inizialmente tre emendamenti da parte dell’opposizione. Il primo riguarda lo storno di 90.000 euro iscritti al capitolo per le indennità di carica degli assessori ed i gettoni di presenza per i consiglieri comunali.

La proposta, in seguito approvata dal consiglio, parla di azzerare tali indennità e garantire, con le stesse somme, i lavori per il rifacimento e la sistemazione di alcune importanti arterie stradali come le vie di fuga di San Giorgio e Nocelle e la strada S. Antonio Gibellina. Un secondo emendamento riguarda invece l’utilizzo degli avanzi di amministrazione di circa 498 mila euro, mentre un terzo emendamento è stato ritirato dall’opposizione. 

Quest’ultimo riguardava la struttura sportiva polivalente “Paolo Carroccio”, di contrada Selva, da anni ormai in stato di abbandono. Il Comune ha presentato un progetto per l’accesso ad un mutuo decennale col credito sportivo da 149.300 euro, a tasso zero, per la ristrutturazione  della struttura, con la realizzazione di un nuovo impianto di illuminazione, del manto di gioco e delle relative dotazioni tecniche, degli spogliatoi, ed il completamento del campo polivalente pallacanestro, pallavolo e tennis. 

L’emendamento prevedeva l’azzeramento di tale spesa, con la motivazione principale di non gravare sulle già dissestate casse comunali. In seguito, però, l’opposizione ha fatto un passo indietro ritirando il documento.


Esprime soddisfazione l’amministrazione Fulia: “Se si usasse sempre questo buon senso – hanno dichiarato in coro i consiglieri vicini al primo cittadino - così come è stato fatto per l’emendamento che colpiva il progetto sportivo, si potrebbero fare molte più cose a San Fratello. Serve questo spirito di collaborazione e non una guerra politica che danneggia principalmente i cittadini.”  

“Con il ritiro dell'emendamento – ha dichiarato Filadelfio Ziino, consigliere indipendente tra i firmatari - abbiamo voluto dimostrare di avere i numeri sia in consiglio che nel popolo ma sopratutto di essere responsabili e legati alle sorti e al futuro del nostro centro nebroideo e dei nostri figli! Abbiamo dimostrato di non essere come l'amministrazione ci dipinge, ossia irresponsabili. Ed io personalmente non posso che volere il bene di questo paese, non a caso ho deciso di farmi una famiglia qui!”

All’ordine del giorno anche l’approvazione del Piano triennale delle opere pubbliche e del Piano delle alienazioni degli immobili.

fonte: gazzetta del sud

Commenti

Post più popolari