San Fratello senza depuratore, Finanziamenti spariti nel nulla

ATTUALITA'
Le tappe di un iter senza fortuna. Falle burocratiche e non solo, ma l'opera rimane indispensabile.

Salvatore Mangione.
La mancanza di un piano regolatore e di un piano di fabbricazione sono le principali cause tecniche della mancata individuazione di un sito per l'eventuale realizzazione del necessario depuratore comunale. Non ha avuto fortuna tale opera, poiché quando si poteva realizzare, alcuni già sentivano i cattivi odori e quindi con una lotta politica assurda, sono riusciti a non fare eseguire l'opera in contrada Riana. 

C'erano già pronti sia i fondi, pagati dai sanfratellani, che le condotte che trasportavano tutte le acque bianche e nere nella località. Al danno si è aggiunta la beffa: oltre a non vedere realizzata l'opera, le somme accantonate nel bilancio comunale, per una "distrazione tecnico-finanziaria", sono state pignorate. 

Dopo il dissesto del 2010, la stessa Protezione Civile aveva indicato un punto distante dell'abitato ed aveva accantonato somme per oltre 2,5 milioni, comprese le indennità di esproprio. Ma adesso di tale finanziamento e delle pratiche relative si sono perse le tracce. Quando il centro montano potrà usufruire di tale opera? 

Inoltre, in applicazione di una sentenza della Cassazione, quando saranno rimborsate le somme versate dagli utenti per la mancata realizzazione dell'opera? Con una semplice delibera di compensazione si potrebbe ovviare a qualsiasi rischio di ricorsi. Occorrono quei comportamenti che mettono al centro la tutela e, ove necessario, il recupero del territorio stesso. Mancanze politico-amministrative che vanno comunque risolte e non solo ricordate ad ogni competizione elettorale. 

I cittadini non si possono accontentare degli studi del territorio nè dei rischi di dissesto idrogeologico, quando tutte le acque bianche e nere, vengono lasciate a cielo aperto. Creando un aumento delle aree a rischio, trattandosi di un centro montano, che per forza naturale, presenta tali fenomeni ed i conseguenziali pericoli.

fonte: gazzetta del sud

Commenti

  1. Paladini della trasparenza e della legalità che nome dare a questo comportamento, truffa, appropriazione indebita od altro ... lasciate le acque bianche e nere a cielo aperto gli ortaggi, alla portata di tutti, sono assicurati. VERGOGNA.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari