Riqualificazione del territorio di San Fratello, Sono ben cinque i progetti in dirittura di approvazione

LAVORI
L'obiettivo è assegnare le gare d'appalto entro al fine dell'anno. L'ammontare complessivo degli interventi è di sei milioni e mezzo di euro.

Giuseppe Romeo.
La fase due, dopo le demolizioni e il consolidamento, è quella della riqualificazione del territorio di San Fratello e parte, alle soglie del settimo anniversario della frana del febbraio 2010, con cinque progetti in dirittura d'approvazione.

Interventi a cura del Dipartimento Regionale di Protezione Civile che, finito ingiustamente troppo spesso nel mirino di taluni, ha invece messo in campo un'attività decisiva, dai giorni della frana sin qui, per garantire la messa in sicurezza del comprensorio di San Fratello e la speranza stessa di un futuro per il centro collinare.

I progetti, per un ammontare complessivo di sei milioni e mezzo di euro, riguardano in particolare la riqualificazione della piazza antistante la Chiesa demolita di San Nicolò, il consolidamento e la sistemazione delle aree di sedìme davanti gli edifici demoliti della scuole elementari per realizzarvi un parcheggio e un campo sportivo a servizio della scuola, il completamento e la demolizione di edifici pubblici e privati, la sistemazione delle aree a valle dei pozzi in contrada Stazzone ed infine varie opere di riqualificazione urbana nel centro cittadino.

L'obiettivo è assegnare le gare entro la fine dell'anno. Gli incartamenti e gli elaborati progettuali sono stati ieri sottoposti all'attenzione della conferenza dei servizi per l'acquisizione dei pareri degli enti preposti. Presenti, oltre ai progettisti ed ai tecnici della Protezione Civile Regionale, coordinati dall'architetto Alberto Vecchio, funzionario del servizio interventi di difesa attiva del territorio, i rappresentanti del Genio Civile di Messina, con l'ingegnere Antonio Di Gangi, la Curia vescovile, con il parroco Salvatore Di Piazza, l'Asp di Messina ed ovviamente i rappresentanti dell'amministrazione di San Fratello, del consiglio comunale e dell'ufficio tecnico, guidato dall'ingegnere Giuseppe Contiguglia.

I RIMBORSI
L'Architetto Alberto Vecchio, funzionario del Dipartimento Regionale di Protezione Civile, ha lanciato un messaggio chiaro anche riguardo i rimborsi da corrispondere alla popolazione: "La nostra struttura sta lavorando come una vera e propria task force proprio per istruire ed esaminare nel modo più rapido possibile tutte le pratiche. L'impegno è di corrispondere entro la fine dell'anno a tutte le persone che ne hanno diritto, i benefici economici concessi loro dalle legge.

fonte: gazzetta del sud

Commenti

Post più popolari