Mike Vannucci approda nella squadra di football di Firenze


SPORT
Il bisnonno era originario di San Fratello.

Mike Vannucci in posa con la maglia gigliata rappresenta il tanto atteso tassello finale in vista della prima partita di campionato in programma domenica 5 marzo sul campo dei Dolphins Ancona. L’italo-americano ha già sostenuto nella giornata di ieri un primo allenamento con il resto della squadra durante il camp “Training With The Pros” promosso da Touchdown Srl. Ma ancora prima di potersi infilare casco ed armatura, il nativo dello stato di New York, è stato chiamato a rispondere alle domande provenienti dal media team del sito ufficiale dei Guelfi Firenze. 

La William Paterson University ha un programma di NCAA Division III. Il provenire da un college meno famoso rispetto a quelli di Eddie Printz e Skyler Suggs fungerà da motivazione extra per te? 

“Voglio cominciare dall’inizio, quando ho terminato le high school ho ricevuto diverse proposte da università di NCAA Division II ma alla fine mi sono accasato alla William Paterson University perché così avrei potuto lavorare con un coaching staff di altissima qualità che comprendeva anche uno dei miei eroi dell’infanzia come Shaun Williams (Safety dei New York Giants dal 1998 al 2005). L’aver giocato per un piccolo college ed il provenire da una paese di modeste dimensioni saranno sicuramente una spinta in più durante questa avventura”. 

Cosa ci possiamo aspettare da un giocatore che ha vinto per ben due volte il titolo di “Hardest Worker” della sua università? 

“Voglio dare il massimo durante la mia esperienza. Non mi arrenderò mai e non darò mai un pallone per scontato. Sarò al campo di allenamento tutti i giorni e spero di poter influenzare positivamente anche il resto della squadra con questo mio comportamento”. 

Il nostro Head Coach (Matteo Dinelli, ndr), ha detto in una precedente intervista che con la tua versatilità potresti anche fare da autista durante le trasferte. Ovviamente stava scherzando, ma cosa ci possiamo aspettare da te? 

“Ho una grande passione per questo sport, vi assicuro che darò tutto me stesso ad ogni azione. I miei compagni potranno sempre contare su di me, su questo non ci sono dubbi. La mia parte preferita di questo contesto è proprio il legame di fratellanza che si sviluppa fra i giocatori. Sul piano tecnico-tattico tenterò di dare una mano in ogni porzione di campo e non vedo l’ora di giocare sia in attacco che in difesa, dove mi è sempre piaciuto molto ricoprire il ruolo di safety”. 

Sei arrivato più tardi rispetto agli altri import della nostra squadra. Come ti senti? 

“Avrei voluto essere qui con un po’ di anticipo ma mi sento in forma e pronto a dare il massimo. Sia gli altri americani che i ragazzi del posto mi hanno fatto sentire il benvenuto accogliendomi a braccia aperte. Una delle prime cose che ho captato è stata l’atmosfera di passione che si respira all’interno di questo complesso sportivo e spero che molte persone del mio paese d'origine possano ammirare cosa è stato costruito qui perché è incredibile”. 

Eri già venuto in Italia? Cosa vuol dire per te avere un passaporto italiano? 

“Non avevo mai visitato l’Europa. Quando sono tornato dagli uffici con il mio nuovo passaporto mia madre è scoppiata in lacrime nel ricordare le nostre radici. Il mio bisnonno era originario di San Fratello in Sicilia e mia nonna proveniva da Genova e quindi è molto bello per me avere l’occasione di riallacciarmi ad una parte così importante del passato della mia famiglia”. 

Hai un obiettivo personale per questa stagione? 

“Sono un uomo che mette la squadra prima degli interessi personali e quindi, tutto quello che voglio fare, è aiutare i Guelfi Firenze a vincere il campionato. Non mi interessa fare 10 touchdown, conta solo il risultato che otterrà il gruppo”.

Fonte: Met Sport



Commenti

Post più popolari