Dolci pasquali di San Fratello… Hanno un nome “scomodo”


Nino Caliò.
Sono stato titubante se scrivere o meno questa nota. Poi la decisione, mettendo da parte qualsiasi tipo di moralismo e senso del pudore (e anche, in qualche modo, il buongusto).
“Pudore?” – vi chiederete – “E perchè mai dovresti avere pudore nello scrivere una ricetta o nel parlare di cucina?”.Perchè vi voglio parlare del dolce tipico pasquale di San Fratello, paesino normanno allocato sui bellissimi Monti Nebrodi in provincia di Messina.
“E che ci sarà di scandaloso in un dolce pasquale?” – continuerete a chiedervi.
Be’ effettivamente qualcosa di scandaloso c’è in questi biscotti fatti con farina 00, uova, zucchero, strutto, lievito, vanillina, latte e semi di anice, che prendono diversi nomi a seconda delle zone di produzione: “Pupi cu l’uovu” a Palermo, i “Cudduri” nella Sicilia Orientale, “Cannati o cannatieddi” nel trapanese , “Panaredda” o “Palummedde” in altre province siciliane, “Pupiddi” in Calabria.
A San Fratello, invece, si chiamano “Pumpjii”, “Pumpini”.
Un amico mio mi  ha raccontato un episodio esilarante che aveva come soggeto tali biscotti sanfratellani e un suo amico medico, al quale dopo avere fatto una consulenza gratuita hanno detto: “Dutturi, visto chi un si vole pajari, ci fazzu fari quattru pumpini ri me’ figghia“. Sfido maliziosamente qualunque uomo a rimanere indifferente davanti a tale tipo di proposta.
Il nome molto probabilmente deriva dal termine dialettale “pumpìan”, che indica qualcosa fatta in pompa magna. Ha chiare origini francesi o, meglio, gallo-italiche dato che San Fratello è stata ripopolata in era normanna da soldati coloni lombardi, che hanno lasciato in eredità questo nome “scomodo” a tali dolci sanfratellani.

fonte: tn24.net

Commenti

Post più popolari


Per la tua pubblicità scrivi a sottolapietra@email.it