ER PORTA A PORTA


Alè ce semo è già ricominciata,
comincia la sonata porta a porta.
Mo' tutti amici semo diventati.
Sti quattro manichini 'ncravattati,
che fanno li pavoni senza rota.
Tizi che fino a ieri 'n tanno mai guardato,
all'improvviso fanno l'amiconi.
Li vedi 'n piazza tutti ndaffarati
a strigne mani, a ventilà promesse,
promesse che come i marinai
ne fanno tante ma nun vanno in porto.
Chi sà com'è sto fatto?
Chi sà come mai  quanno è er momento
bisogna ricordaglie le promesse
che sur parco al momento der comizio
fecero alla gente credulona.
Ma voi che ve credete veramente
che noi credemo alle chiacchiere vostre?
Tanti de voi vo ricordate ch'avete svergognato sto paese ?
Svergogneno er paese ma se scordeno
e poi so pronti a volello amministra !!!
Che schifo de coerenza che cjavete!
Ma ve potete solo vergognà.
L'amore per paese è nartra cosa,
e voi, tanti de voi, me spiace dillo,
l'amore pe sto paese nun v'appartiene. 
Quello ch'avete voi è solo interesse
pe le tasche vostre, è tornaconto!!!
Ma tutto questo pure se oramai le casse sò vote, 
ma v'ammazzate pe salì quassù.
La gente ch'a sputato 'ndò ha magnato
er bene der paese nun lo po' fa.
e' inutile che mo ve ripulite
è dalla boccaccia vostra che so' uscite
tutte le parole avvelenate che avete detto in tempi nun sospetti.
Voi state a venne FUMO non PROFUMO.
Ma che cjavete preso pe somari
che cjanno er paraocchi e er paraorecchie?
Noi valutano quello che voi fate,
tutte le promesse mantenute...
e tra cinquanni Voi quà ce ritrovate
E VE LA DAMO NOI PO' LA POLTRONA

DoneraFly

Commenti

Post più popolari



Per la tua pubblicità scrivi a sottolapietra@email.it