Chiesa del SS Crocifisso

Una costruzione di rara bellezza. Con la sua forma ottagonale si trova in una posizione che la pone in cima al paese, rappresenta un tocco d'arte barocca sul tetto di San Fratello.


Costruzione che risale probabilmente all'anno 1595, ubicata nel centro storico, inserita in un contesto urbano molto particolare, costituito da un antico nucleo di abitazioni rimaste illese dopo la frana del 1922.




E' di stile Barocco, ed emerge per la bellezza della forma e del tipo di struttura ottagonale. Al suo interno custodisce cinque altari, vi è un ricco arredo decorativo di stile barocco, pregevoli sono le tele e i dipinti di scuola siciliana, che raffigurano gli episodi della Passione di Cristo.



Fino al 1922 da piazza del SS Crocifisso si poteva ammirare quasi tutta la città: in alto a destra dal maestoso campanile di San Nicolò, passando per i popolosi quartieri storici composti da abitazioni povere e palazzi nobiliari, fino alla grande Matrice posta in basso; in mezzo strade affollate e ricche di storia.  





Perché è necessario salvare la Chiesa del Crocifisso di San Fratello (ME)
A cura del prof. Benedetto di Pietro

La chiesa del Crocifisso di San Fratello si presenta come chiesa barocca, con gessi all’interno e festoni decorati in oro. Di forma ottagonale, presenta tre entrate di cui due soppresse. Quella centrale ad arco, ora chiusa, è rivolta a Ovest e un tempo doveva essere l’ingresso principale, con scala d’ingresso che dopo la chiusura è stata eliminata. 

La chiave di volta dell’arco, in marmo bianco, è costituita da bassorilievo con una testa di angelo ed è sormontata da sculture, anch’esse in bassorilievo, che raffigurano una Pietà e simboli della passione di Cristo (i tre chiodi della crocifissione; la colonna della flagellazione sovrapposta alla canna che sostiene la spugna che venne imbevuta di aceto e offerta a Gesù morente in croce; la scala con la quale Cristo venne deposto dalla croce è sovrapposta alla lancia con cui il soldato Marco Longino diede il colpo al torace del Crocifisso e, in ultimo, la corona di spine).

La costruzione si trova nel borgo insigne della cittadinanza ed è di forma ottagonale, tipica dei battisteri, e con ogni probabilità in origine tale è stata la sua funzione in appoggio alla vicina Chiesa di San Nicolò di Bari, ora distrutta, già esistente a partire dagli inizi del Cinquecento.

La forma ottagonale rispetta la simbologia dei battisteri: il numero otto rappresenta “l’ottavo giorno” della settimana, ossia il “nuovo giorno”, quello dell’eternità; ma tale numero indica anche la Pentecoste e il Battesimo. 

Comunque, poco sappiamo sulla destinazione originaria di tale chiesa di San Fratello, sappiamo invece della sua attuale dedicazione al Crocifisso.

La struttura presenta tre ingressi, seguendo la tipicità dei battisteri e della simbologia medievale. La porta principale, oggi murata, è rivolta a Ovest onde permettere di entrare rivolti a Est, verso il sole che sorge e che rappresenta Cristo. La porta rivolta a Sud, anch’essa murata, riporta una croce in marmosull’architrave ed è munita ancora di scala d’accesso. 

La leggenda popolare racconta che queste due porte venivano continuamente abbattute dal vento e ai bambini dell’Ottocento le mamme raccontavano in una ninna-nanna che la soluzione fu quella di lasciare aperta solo quella “a la tramuntana”. Infatti, l’unica porta d’ingresso che adempie tale funzione è quella rivolta a settentrione la cui architrave è sormontata da un bassorilievo che raffigura il lino della Veronica con l’immagine di Cristo.

Dopo la distruzione, a causa delle frane, della chiesa di San Nicolò e delle chiese di San Fratello, la Chiesa del Crocifisso che ha resistito agli eventi naturali perché costruita sopra uno sperone di roccia è da considerarsi un’opera importante sia per il paese sia per l’area dei Nebrodi e deve essere salvaguardata a tutti i costi, per il suo valore storico, artistico, architettonico ed etnologico.


 
 


 




Commenti

Post più popolari