L’Italia entra nel G8 dello Sport

Si sono chiusi domenica notte, 12 Agosto 2012, i Giochi della XXX Olimpiade organizzati nella città di Londra. La capitale Britannica diviene così l’unica città ad aver ospitato tre edizioni delle Olimpiadi moderne dopo l’edizioni estive del 1908 e del 1948.

L’Italia entra nel “G8 dello Sport”, come ha affermato stamani il Presidente del Coni Gianni Petrucci, classificandosi all’8° posto del medagliere con 8 medaglie d’oro, 9 d’argento e 11 di bronzo, 28 in tutto.

La spedizione azzurra in terra londinese è stata più che positiva nonostante le delusioni del nuoto e della positività di Alex Schwazer. In questa Olimpiade hanno lasciato il segno Michael Phelps conquistando 4 medaglie d’oro e 2 di argento, divenuto così l’atleta più medagliato nella storia delle Olimpiadi moderne con un bottino totale di 22 medaglie, ed il giamaicano Usain Bolt considerato uno dei più grandi velocisti della storia, il quale ha conquistato in questa edizione 3 medaglie d’oro rispettivamente nelle specialità 100 mt, 200 mt e staffetta 4x100 mt. polverizzando i precedenti record mondiali di Pechino 2008.


Assoluta protagonista a Londra 2012 è stata la nostra portabandiera Valentina Vezzali, beffata nella finale individuale di fioretto femminile dalla connazionale Elisa Di Francisca, conquistando così la medaglia d’argento. Il fioretto femminile è stato all’insegna delle ragazze azzurre, piazzandosi tutte tre sui gradini del podio, conquistando tra l’altro la medaglia d’oro nella competizione a squadre.


Ed è stata la scherma a fare come sempre la parte del leone: ben 7 medaglie (3 d'oro, 2 d'argento e 2 di bronzo), un quarto del bottino complessivo. A seguire il tiro a segno con 2 ori e 3 argenti ed il pugilato con 2 argenti ed 1 bronzo. In totale gli azzurri sono andati a podio in 15 discipline diverse considerando l’assenza dei colori italiani nelle competizioni di calcio, basket, hockey, pallamano e badminton.

Da segnalare in questa Olimpiade le conquiste di medaglie inaspettate da parte di Fabrizio Donato nel salto triplo (Bronzo), Martina Grimaldi (Bronzo) unica medaglia italiana nel nuoto, Marco Aurelio Fontana (Bronzo) nella mountain bike. Sono state tante le recriminazioni da parte di alcuni atleti italiani, si pensi a Vanessa Ferrari che nella ginnastica artistica avrebbe potuto conquistare una medaglia di bronzo o Tania Cagnotto che per soli 0.20 centesimi avrebbe conquistato una storica medaglia nei tuffi, il settebello che si piega in finale contro la Croazia, ed infine di Roberto Cammarelle e Clemente Russo nel Pugilato perdendo entrambi la finale olimpica.  

A conclusione di questi giochi, l’Italia può essere soddisfatta del bottino di medaglie conquistate, considerato che il cammino di preparazione è stato tutto in salita, si pensi alle mancate qualificazioni alle Olimpiadi di 2 campioni olimpici a Pechino 2008, e dei diversi infortuni che hanno compromesso la partecipazioni di Andrew Howe ed Antonietta di Martino, atleti di alto spessore nell’atletica leggera, ai giochi di Londra.


Se avessimo corso per ospitare i giochi del 2020 avremmo dovuto investire molto, in uomini e risorse, come ha fatto la Gran Bretagna che è arrivata terza nel medagliere con 29 ori e 65 medaglie conquistate, dietro ai giganti Usa con 46 ori e 104 medaglie e Cina con 38 ori e 87 medaglie.
Londra rimarrà nella storia per tanti atleti, sicuramente il Comitato Olimpico Italiano sarà entusiasta dei risultati ottenuti dagli atleti italiani. 28 medaglie Olimpiche, 3 Record Mondiali, 8° posto nel medagliere, non male…. (è proprio il caso di dirlo) per una nazione dove si parla soltanto di Calcio.

                                                                                                   di Antonio Di Bella

Commenti

Post più popolari