Trovata una bomba risalente alla seconda guerra mondiale

Sul posto è intervenuta una squadra specializzata del 4° Reggimento Genio Guastatori di Palermo alle dipendenze della Brigata Aosta.


Nel comune di San Fratello è stato rinvenuto un ordigno bellico inesploso risalente al secondo conflitto mondiale. Sul posto è intervenuta una squadra specializzata del 4° Reggimento Genio Guastatori di Palermo alle dipendenze della Brigata Aosta; queste squadre sono denominate nuclei EOD (Explosive Ordnance Disposal) più comunemente indicate come squadre artificieri. Di seguito la nota diffusa dall’ufficio stampa:

Il residuato è stato trovato in prossimità di una strada secondaria in località Malaspina ed è stato identificato dagli specialisti dell’Esercito Italiano come una proietto d’artiglieria da 75 mm di nazionalità tedesca, caricato con oltre 800 grammi di esplosivo ad alto potenziale (HE) e dotato di una spoletta a percussione (mod. AZ23).

L’ordigno aveva un peso complessivo di quasi 6 chilogrammi per 35 centimetri di lunghezza, dall’esame effettuato dei militari dell’Esercito si è dedotto che il proietto d’artiglieria rinvenuto non era stato sparato, quindi presumibilmente è stato abbandonato o dimenticato. A causa del pessimo stato di conservazione non è stato possibile eseguire il disinnesco dell’ordigno e quindi gli specialisti del 4° Reggimento lo hanno distrutto; infatti il residuato è stato trasportato in sicurezza in una cava nel vicino comune di S. Agata di Militello per poter eseguire l’operazione senza pericolo per la popolazione.

Le capacità tecniche del personale ed i mezzi in dotazione all’Esercito garantiscono il prezioso intervento in caso di pubblica utilità e per la tutela dell’ambiente. In particolare, i reparti genio, grazie alle esperienze maturate nelle missioni estere ed all’elevata connotazione “dual-use” (capacità di cooperare con le autorità civili a favore della cittadinanza e quella operativa espressa nei teatri operativi), operano a favore della comunità nazionale sia in caso di pubbliche calamità, sia per la bonifica dei residuati bellici ancora ampiamente presenti sul territorio italiano.

Dal 2000 al 2013, i nuclei EOD dei reparti genio dell’Esercito hanno eseguito oltre 37.000 interventi specialistici per la bonifica di ordigni esplosivi. Nel 2014 gli specialisti dell’Esercito del 4° Reggimento Genio Guastatori di Palermo hanno già portato a termine 28 interventi di bonifica nel territorio siciliano, con il relativo disinnesco o distruzione degli ordigni rinvenuti.

L’Esercito è l’unica Forza Armata preposta alla formazione degli artificieri di tutte le forze di polizia, forze armate e corpi armati dello stato.

fonte: Strill.it; MNews.it

Commenti

Post più popolari