Il gruppo Facebook “San Frareu - Zzea parduoma u dialott dû nasc paies” festeggia il secondo anniversario

U grupp dî sanfrardei chi scrivu n dialott fea ghj’iegn.


di Carmelo Faranda (con traduzione nel dialetto galloitalico di San Fratello).
E sono due! Due anni di chiacchierate, scambi d’opinione, poesie, proverbi, ricerche, curiosità, cultura locale e tutto rigorosamente nel dialetto galloitalico di San Fratello.
E son duoi! Dì iegn di chjachjarieri, schieng di pinsier, poesii, pruverbiji, rricerchi, curiusitei e cultura luchieu e tutt ntô dialott galloitalico di San Frareu.

Il gruppo Facebook “San Frareu - Zzea parduoma u dialott dû nasc paies” (San Fratello - Qui parliamo il dialetto del nostro paese) compie il suo secondo anniversario. Nato in appendice alla manifestazione “Italiani nel mondo”, tenutasi a San Fratello nell’estate del 2012, il gruppo che abbiamo creato conferma di essere una realtà ormai consolidata e un punto di riferimento per moltissimi internauti, sanfratellani e non, che lo visitano e lo animano quotidianamente con i loro interventi. Gli iscritti al gruppo hanno da poco superato il numero di 1700 unità. Una cifra enorme se si pensa alla popolazione del centro nebroideo che attualmente sfiora i 4000 abitanti.
U grupp Facebook “San Frareu - Zzea parduoma u dialott dû nasc paies” fea dì iegn. U grupp ch’armämu anasciò a la cunchjusian di la manifestazzian “Italiani nel mondo”, chi si fò a San Frareu nta la stasgiunära dû 2012, cunfierma di èssir na causa fierma e n paunt di rifirimant pi tenc cristiei, sanfrardei e nà, chi usu internet e chi u von e ghji scrivu ogni giuorn. I crisitiei scritt ntô grupp spassean da pach u numar di 1700. Na cifra daveru gräna se si pansa a la giant chi stea a San Frareu chi, ara cam ara, arriva scì e nà a 4000 abitänt.

L’idea iniziale di creare uno spazio nel quale comunicare spontaneamente attraverso la scrittura in dialetto si è arricchita, nell’arco di un biennio, di appuntamenti fissi, vere e proprie rubriche settimanali, che illustrano alcuni degli aspetti più interessanti del nostro centro nebroideo. Accanto ai proverbi e ai brani letterari settimanali che già nel primo anno cadenzavano i post del gruppo, sono apparsi sempre più spesso scritti inediti di autori locali e rubriche di vario argomento. La scrittura che, come noto, su Facebook è il mezzo di comunicazione privilegiato, è anche il canale della letteratura. 
La pinsära di mprima era di armer n grupp ana chjachjarier pi mez di la scritura n dialott, ma cû tamp s’arrichì nta dì iegn d’apuntamant fiss, rubrichi veri e pruopria chi fean virar li causi bedi dû paies. Achient ê pruverbiji e a li poesii chi giea ntô prim ienn si mitivu ogni simeuna ntô grupp, si iean vist sampr cchjù di cuntìan cumpunimant chi ancara ni si iean publichiea, scritt da peart di autaur di San Frareu e rrubrichi di ieucc argumant. Cam si sea, la scrittura, ch’è un mez pi parder nta Facebook, è puru u caneu di la letteratura. 

La bacheca virtuale del gruppo è quindi divenuta, col tempo, la sede ideale per far conoscere la nuova produzione letteraria dialettale. Accanto agli scritti già editi, tratti dalle opere di Benedetto Di Pietro, Rosalia Ricciardi e dei compianti Antonino Versaci e Benedetto Lo Iacono, sono apparsi i nuovi brani di una schiera di scrittori sanfratellani che si conferma ben nutrita. Si pensi agli interventi del prof. Nicola Bellitto, Serafina Miraglia, Filadelfio Lo Paro, Alfio Foti, Pino Mazzullo, Bettina Di Bartolo, Marianna Montalto, Carmelo  Emanuele, Salvatore Vasi,  Mariänna Cassarà e Bettina Salardino, e agli scritti ancora inediti dei compianti Carmelo Lanfranco, Calogero Cassarà, Antonino Allegra  E sabato 30 proprio la pubblicazione di un testo inedito di Benedetto Di Pietro è apparsa nella bacheca del gruppo, a sottolineare il biennio dell’iniziativa. 
La bacheca dû grupp adivintea quindi u past ana fer acanuoscir i scritt nuov n dialott. Ô sciench di li causi giea publichieri di Bittu Di Pietro, Rosalia Ricciardi, Gräzia Regalbuto, Carmela Ricciardi e di li banärmi di Ntunìan Versaci e Bittu Lo Iacono, si vittu i nuov scritt di na pinta di scrittaur sanfrardei. Abesta pinser a li causi chi iea scritt u prufissaur Nicola Bellitto, Zzarafina Miraglia, Frareu Lo Paro, Arfìan Foti, Pìan Mazzullo, Bettina Di Bartolo, Mariäna Montalto, Carmìan Emanuele, Turi Vasi, Mariänna Cassarà e Bettina Salardino, e i cumpunimant chi ancara ni si iean publichiea nta n dibr di li banärmi di Carmelo Lanfranco, Calogero Cassarà e  Antonino Allegra. E säbar 30 cumparì nta la bacheca pruopriu  n nuov caunt di Bittu Di Pietro pi sbagner i dì iegn di vita dû grupp.
   
Per questi scritti, l’auspicio degli amministratori del gruppo è poi quello di trovare una sede ancora più consona, ovvero un testo pubblicato che ne conservi e trasmetta i contenuti. Non solo letteratura però. Sulla bacheca del gruppo trovano spazio gli stimoli del prof. Filadelfio Vasi, amministratore del gruppo insieme a Benedetto Di Pietro, Pino Foti e a chi scrive, sulle parole disusate, e le schede della dott.ssa Antonella Lo Casto sul patrimonio boschivo del territorio sanfratellano e, in occasione di questo secondo anniversario, è già pronto un nuovo “palinsesto” settimanale già apparso sulla home del gruppo, e visibile in calce a questo articolo.
Pi tucc quosc scritt, la spiränzia di ghj’aministraraur dû grupp è di pubblicher n ddibr. Nin sau letteratura però. Nta la bacheca si palu truver puru li dumäni dû prufissaur Frareu Vasi, aministraraur dû grupp antucc cun Bittu Di Pietro, Pìan Foti e cun ia stiss, saura li paradi chi ni si santu ddir cchjù, e li schedi di la duturossa Antonella Lo Casto, rrigueard di ghj’erbu e di li pienti dû tirrituoriji di San Frareu e, cun la quasian di la sbagnataria dî dì iegn, è giea praunta na nuova prugrammazzian che fu giea miesa nta la pägina dû grupp e si pà puru ddiejir a la cunchjusian di quost articul.

Accanto agli interventi a tema, va però registrato il fatto che il gruppo resta essenzialmente uno spazio nel quale numerosissimi sanfratellani che risiedono fuori paese trovano occasioni di dialogo in dialetto. A volte lo spunto è offerto anche solo da una fotografia che ritrae uno scorcio del Centro, sotto la quale si accumulano i ricordi e i saluti di sanfratellani residenti praticamente in ogni continente. In queste occasioni di dialogo e di ricordo sta probabilmente il merito maggiore della nostra iniziativa.
Si iea ddir però, chi achient a quost causi prugrammäri, u grupp rresta n past ana tucc i sanfrardei ch’arrisieru fuora paies truovu quasiuoi pi parder n dialott. Zzert vauti la quasian peart puru sau di na fotografia chi fea virar na ngana di San Frareu e di suotta sùbit arrivu i rrigard e i salur dî sanfrardei chi si truovu praticamant nta tucc i cuntinant. Quosta si pà dir ch’è la saddisfazzian cchjù gräna chi ddea la nascia iniziativa.


Non rimane quindi che invitare i lettori di Sottolapietra a visitare il gruppo a questo indirizzo (https://www.facebook.com/groups/SanFrareu.dialott) e ad entrare a farne parte. Ogni suggerimento, proposta e contributo costruttivo saranno accolti con favore. 
Ni m’arresta quindi chi nvirer tucc quoi chi ddieju Sottolapietra a fer na vìsita a quost ndirizz (https://www.facebook.com/groups/SanFrareu.dialott) e a trèasir ntô grupp. Tucc i sugirimant, li prupasti e i contributi ch’avossu arriver, fätt pi custruir e nà pi sfascer, vienu accitei cun tänt plasgiar.  


Commenti

Post più popolari