Dissesto “permanente” in contrada Riana

Dopo gli smottamenti di qualche anno fa, a San Fratello il Centro Sociale e le Case Popolari versano ancora in stato di abbandono e degrado.

di Salvatore Mangione.
SAN FRATELLO - La cittadinanza, avendo appreso dell’imminente scadenza dell’ordinanza di Protezione Civile per gli interventi urgenti e indifferibili nel territorio flagellato dal dissesto idrogeologico, continua ad essere in apprensione. In molti hanno segnalato situazioni che la dicono lunga sulla reale situazione in cui versa il centro montano. 

Con delusione si nota l’abbandono da cinque anni di due strutture di interesse pubblico: il Centro Sociale, nuovo di zecca, utilizzato solo per qualche mese per attività didattiche della scuola dell’obbligo, stravolgendo le finalità per cui era stato costruito. Costato un milione e mezzo di euro e realizzato a ridosso dell’altra struttura comunale delle case popolari.

Siamo in contrada Riana, dove da 15 anni avevano trovato alloggio ben 16 famiglie. Una zona tranquilla e vicina a strutture pubbliche come la chiesa, le scuole e la casa protetta. Lo stesso giorno del disseto gli abitanti del quartiere decisero di non toccare nessun mobile, chiudere a chiave e di rispettare l’ordinanza di sgombero. 

Sia il Centro Sociale come anche le Case Popolari si erano spostate di pochi centimetri, con una inclinazione non visibile ad occhio nudo. In questi anni sono stati effettuati sopralluoghi, carotaggi e sopralluoghi monitorando non solo i pericoli, ma anche eventualmente gli smottamenti. 

Ma nonostante si fosse pensato al peggio, non c'è stata alcuna modificazione ambientale. Ancora oggi nessuna decisione è stata adottata. Il Centro Sociale è chiuso, abbandonato e in fase di degrado e le Case Popolari chiuse. Le famiglie evacuate vivono ancora in case di fortuna. 

Fonte: gazzetta del sud

Commenti

Post più popolari