Respinto il ricorso dell'amministrazione

POLITICA
Per il Tar non appare assistito da apprezzabili elementi di fondatezza. L'approvazione del bilancio è comunque intervenuta entro il termine massimo di 30 giorni.

Giuseppe Romeo.
La prima sezione del Tar di Catania ha respinto l'istanza cautelare proposta nel proprio ricorso dall'amministrazione comunale di San Fratello contro l'approvazione del conto consuntivo 2014.

"A un sommario esame, proprio della fase cautelare, e impregiudicata ogni questione in rito - hanno scritto i giudici del Tar - il ricorso non appare assistito da apprezzabili elementi di fondatezza tenuto conto che l'approvazione del bilancio è comunque intervenuta entro il termine massimo di 30 giorni dalla convocazione".

Quel termine, lo ricordiamo, era stato imposto dal commissario ad acta nominato dall'Assessorato Regionale dopo la prima bocciatura del mese di luglio. Nel ricorso, il legale dell'amministrazione Fulia, Ferdinando Croce, aveva denunciato l'illegittimità dell'approvazione del rendiconto finanziario e della stessa convocazione del consiglio comunale. L'attività deliberativa sarebbe stata sottratta alla disponibilità del consiglio, esauritasi con la bocciatura nella seduta del 4 settembre.

In secondo luogo, il legale incaricato dall'amministrazione sostiene l'impossibilità per il consiglio di esprimersi due volte su una stessa proposta ed infine l'insussistenza dell'inerzia della presidente addotta alla base della convocazione del vice presidente Ziino. L'amministrazione comunale di San Fratello, in un procedimento parallelo, aveva quindi proposto ricorso contro il silenzio inadempimento dell'assessorato regionale autonomie locali e in particolare dello setto commissario Petralia aditi dal sindaco sulla correttezza o meno delle procedure e della delibera del consiglio.

"E' una prima vittoria nella battaglia che ci vede contrapposti al disgustoso tentativo dell'amministrazione di esautorare il consiglio", ha dichiarato Filadelfio Ziino (foto a sinistra), vice presidente del consiglio costituitosi tramite l'avvocato Francesco Nicosia. 

L'amministrazione comunale Fulia però non dispera: "Pur rispettando il contenuto della decisione - afferma Fulia - si ritiene che il Tar si sia limitato a dare atto che l'adozione della seconda delibera approvativa del conto consuntivo sia intervenuta entro l'arco temporale di 30 giorni dalla convocazione disposta dal Commissario ad acta. Il Collegio non si è ancora pronunciato sul punto centrale".

fonte: amnotizie.it  

Commenti

Post più popolari