Renzi in Sicilia, opere per circa 5 miliardi di euro

POLITICA
Ecco la lista: tra queste i progetti per il dissesto idrogeologico, bonifica, messa in sicurezza, consolidamento e viabilità nel messinese. 

Due giorni in Sicilia, per presentare il più grande piano di investimenti dell'era recente e per chiudere la Festa dell'Unità. Matteo Renzi è arrivato sabato 10 settembre ad Agrigento. C'è la firma, insieme al presidente Rosario Crocetta, del Patto per la Sicilia. 

Si tratta di un piano di investimenti che potrà contare su 5,7 miliardi di euro: 2,3 miliardi dal cosiddetto Fondo di sviluppo e coesione (i soldi che arrivano dallo Stato) e 3,4 miliardi da fondi Ue e da altre fonti finanziarie.

Infrastrutture 
Dall’autostrada Siracusa-Gela all’aeroporto di Comiso, dall’itinerario Ragusa-Catania a quello Camastra-Gela, alla messa in sicurezza ed agli interventi di consolidamento delle dighe, passando a tutte le infrastrutture necessarie a Lampedusa, Ustica, Pantelleria, Favignana, Linosa, Marettimo, Levanzo, (in tutti questi casi ci sono numerosi interventi anche a tutela del territorio, per la viabilità, l’edilizia scolastica e per la messa in sicurezza nonché progetti per turismo e sviluppo e per il sistema portuale delle isole minori). Ancora in elenco per le infrastrutture i progetti per l’area complessa Termini Imerese (porto turistico, moli, viabilità, risanamento, parcheggi). Numerosi gli interventi di riqualificazione urbana nell’isola. Il porto di Gela (nuova darsena commerciale e banchine), interventi a Pozzallo, Marsala, Isola delle femmine (porto turistico). Per quel che riguarda la provincia di Messina: gran parte degli interventi relativi alle infrastrutture interessano le isole Eolie (dissesto idrogeologico, viabilità, presidi territoriali, porti, edilizia scolastica), il porto di Santo Stefano di Camastra,   

Welfare e legalità   
Realizzazione 4 centri di eccellenza per l’accoglienza e l’integrazione degli immigrati. Interventi per le sedi di polizia e per il Comando per la legione dei Carabinieri, Cittadella giudiziaria di Catania, riduzione del tasso di dispersione scolastica   Sviluppo economico e produttivo   Contratti di sviluppo in aree a fortissima crisi occupazionale, fondo di garanzia regionale, zona franca legalità, zone franche urbane, osservatorio regionale formazione professionale e mercato del lavoro.   

Turismo e cultura   
Parco archeologico di Ispica,parco archeologico della Neapolis, interventi di destagionalizzazione, potenziamento filiera offerta sportiva, itinerari turistici,religiosi, restauro Palazzo Reale, parco archeologico di Camarina, Museo archeologico Ibleo, Museo del mare. Per la provincia di Messina i progetti inseriti riguardano il restauro della Chiesa di Santa Maria della Valle- Badiazza , la rifunzionalizzazione del Forte Castellaccio, interventi al Museo regionale di Messina, museo ecosostenibile, ottimizzazione dell’offerta museale, La maggior parte degli investimenti riguarda interventi di consolidamento di strade, versanti e costoni. Quasi tutti i progetti per il dissesto idrogeologico ed a tutela dell’ambiente interessano il territorio messinese. Nelle altre aree gli interventi riguardano impianti di compostaggio, messa in sicurezza, bonifica. Per quel che riguarda Messina e provincia, quasi il 70% delle opere finiranno con il riguardare il territorio. In primo piano la sistemazione idraulica dell’Area Metropolitana di Messina. Un impianto di compostaggio a Capo d’Orlando. I progetti per il dissesto idrogeologico, bonifica, messa in sicurezza, consolidamento (e in taluni casi viabilità) interessano Messina, Saponara, Sant’Agata di Militello, San Fratello, Rometta, Monforte San Giorgio, Pace del Mela, Santa Lucia del Mela, Tripi,Montalbano Elicona, San Piero Patti, Raccuja, Mistretta, Antillo, Pettineo, Castelmola, Mongiuffi Melia, Taormina, Limina, Casalvecchio Siculo, San Marco d’Alunzio, Castell’Umberto, Mandanici, Frazzanò, Savoca, Fiumedinisi, Lipari, Fondachelli Fantina, Furnari, Alcara Li Fusi, Ficarra, Galati Mamertino, Longi, Motta Camastra, Librizzi, Leni, Caronia, Furci, Naso, Militello Rosmarino, Santa Teresa Riva, Gualtieri Sicaminò,Mistretta, Malvagna, Gallodoro, Gioiosa Marea, Ucria, Itala, Roccalumera, Sant’Angelo di Brolo, Nizza di Sicilia, Reitano, Sinagra, Malfa, Villafranca, Scaletta, Basicò, Capizzi, Limina, Patti, Tortorici, Moio Alcantara, Capo d’Orlando, Acquedolci, Terme Vigliatore, Torregrotta, Sant’Alessio. Progetti per gran parte dei torrenti (ad esempio Mela, San Filippo, Savoca, Pagliara,Sirina, San Giovanni, Fitalia, Annunziata, Catarratti, Bisconte). Interventi previsti per la bonifica di discariche, negli alvei a rischio, canali di regimentazione, opere di tutela dei tratti di costa e litorali a rischio, (vedi ad esempio Santa Margherita). Ancora opere di consolidamento a Ponteschiavo, Mili, Santa Margherita, Galati, Santo Stefano,  opere di mitigazione rischio idrogeologico a Milazzo, interventi a Calvaruso, Scaletta, Cesarò.

fonte: accentonews.it 

Commenti

Post più popolari