LA SOLA E CERTA VERITA'



Quann'ero regazzino, ndo' abitavo,
na sera ce sentimmo drizzà i peli. 
All'improvviso 'n mezzo a la nottata
sentimo uno che grida a squarciagola e dice
"RICORDATI CHE DEVI MORIRE"
Ce semo presi davero un coccolone,
pe l'impressione che ste parole,
gridate 'n piena notte, ce fecero provà.
Pareva che fosse sceso 
n'Arcangelo a chiamacce 
per Giudizio Universale.
NA PAURA!!!
Sta cosa se ripete pe n po' d'anni.
T'ho ritrovavi 'n do' nun l'aspettavi.
Tutta la città che ne parlava, 
alla fine comincia ad abituasse a sta sonata. 
Oramai faceva parte delle cose note, 
nun ce facemmo poi manco più caso.
An certo punto, così  com'era apparso,
sparì e, nun se sentì più.
Er silenzio notturno ce riavvolse
e ce scordammo der fatto e, de e parole.
Annanno avanti co l'anni
sta questione, me torna 'n mente e me fa pensà!
E' vero noi vivemo, come se nun dovessimo mai morì.
Ma sta memoria corta ce rovina,
pe' questo poi noi c'ammazzamo...
pe li sordi, pa carriera, pe er potere, pe pote' comannà.
Mettemo sotto i piedi chi ce pare,
nun pensamo, mai che noi a sto monno semo de passaggio,
nun semo eterni, ma ce lo scordamo.
Nun famo artro che guerre, pe ogni cosa. 
Ma pe fa che? Ma poi che concludemo ?
Sto monno l'avemo avvelenato
co tutte ste cattiverie che ce famo.
Rimpiango quer poraccio che gridava er ritornello
" RICORDATI CHE DEVI MORIRE"
Chi sa' se adesso
 co sto monno marcio
quelli che ce comanneno cio' sanno
che questa è la vera e unica certezza.
Quello ch'avemo accumulato qua o lasciamo.
ALL'ARTRO MONNO NOI C'ANNAMO NUDI 
E CENERE  POI  TUTTI DIVENTAMO !!!

DoneraFly

Commenti

Post più popolari


Per la tua pubblicità scrivi a sottolapietra@email.it