Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2016

I primi settant'anni della Repubblica Italiana

Immagine
STORIA Il 12 marzo del '46 viene indetto il referendum istituzionale, viene chiesto agli italiani di scegliere tra monarchia e repubblica. Ciro Carroccetto. Dopo la fine della seconda guerra mondiale in Italia, con una decisiva partecipazione collettiva, si determinano radicali cambiamenti ai processi decisionali del futuro assetto politico - istituzionale della storia italica. A settant'anni dal referendum (2 giugno 1946- 2 giugno 2016) che ha cambiato non solo la forma dello stato ma il futuro, degli italiani, ricordiamo alcune delle tappe salienti. 

Acquedolci, Salerno decaduto da consigliere

Immagine
POLITICA Comunicato stampa dell'Ufficio di Presidenza del Consiglio Comunale. Il Consiglio Comunale di Acquedolci ha deliberato, nella seduta di Venerdì 27 Maggio 2016, l'incompatibilità e la conseguente decadenza da consigliere comunale del Prof. Giuseppe Salerno. 

Presentazione del libro “Giocatore d’Azzardo” di Mahmoud Darwish

Immagine
CULTURA “Poeta e palestinese” dalla vita travagliata segnata dalle vicissitudini e contraddizioni di un’esistenza da “ospite non gradito” in casa propria e da esule. La “Casa delle Culture” di Acquedolci ha avuto il prestigio di ospitare la presentazione della raccolta di poesie dell’autore palestinese Darwish. La raccolta, dal titolo “Giocatore d’Azzardo“, viene pubblicata postuma ed è edita da edizioni Mesogea di Messina.

Il Corpus Domini a San Fratello nell'anno del giubileo della Misericordia

Immagine
EVENTI Le parrocchie e la comunità di San Fratello l'ha ricordato con una magnifica infiorata allestita nello spiazzale antistante la chiesa madre Maria SS Assunta.  Ciro Carroccetto. L'anno del giubileo straordinario della Misericordia Papa Francesco lo ha annunciato così: "Questo non è «tempo per la distrazione, ma al contrario per rimanere vigili e risvegliare in noi la capacità di guardare all’essenziale». 

Zangrei, Marrani, Turchi e Giudei

Immagine
CULTURA La diversità linguistica nonché la differenza etnico-religiosa ha portato Sanfratellani e Siciliani a coniare termini spregiativi che fanno parte della cultura dei Nebrodi. Per il loro incomprensibile dialetto i Sanfratellani sono stati di volta in volta variamente bollati, sono stati chiamati spregiativamente "zangrei" e, sui Nebrodi, si tramanda un'ottava che riguarda il blasone popolare di alcuni centri montani, nella quale si dice:

Etna-Alcantara-Nebrodi, Un “corridoio ecologico” per lo sviluppo del territorio

Immagine
TURISMO Ad intestarsi l’iniziativa è stata in questi mesi l’Associazione di Protezione Ambientale “A.P.A. San Francesco. Rodolfo Amodeo. Esistono in natura delle particolari aree territoriali cui viene attribuita la denominazione di “corridoi ecologici”. Trattasi, in pratica, di un insieme di habitat tra loro interconnessi, che permettono lo spostamento della fauna e lo scambio genetico tra specie vegetali, favorendo così un aumento del grado di biodiversità. 

A chi sono stati tolti i terreni dei Nebrodi?

Immagine
CRONACA Il procuratore di Messina l'ha definita «una delle organizzazioni criminali più antiche e pericolose». Una mafia arcaica e al tempo stesso moderna, col fiuto per gli affari.  Salvo Catalano. «Una delle organizzazioni criminali più antiche e pericolose». Che cos'è la mafia dei Nebrodi lo ha ricordato il procuratore capo di Messina, Guido Lo Forte. Arcaica e moderna. Braccia e gambe per controllare in maniera pervasiva il mondo rurale, occhi e testa alle opportunità che arrivano da Bruxelles, sotto forma di finanziamenti europei. Ma chi c'è dietro quella che gli investigatori hanno descritto come una presenza capillare sul territorio di una consorteria criminale che applica con estrema violenza un metodo mafioso?

Arrestati due allevatori di San Fratello

Immagine
CRONACA Due fratelli allevatori sono stati arrestati dai carabinieri a San Fratello accusati di furto aggravato in concorso. In un’altra operazione rinvenuto un revolver abbandonato. Giuseppe Lazzaro. Ieri pomeriggio, in una zona boschiva di San Fratello, sono stati sviluppati mirati rastrellamenti e perquisizioni di casolari rurali condotti con il supporto dei carabinieri dello Squadrone Eliportato Cacciatori “Calabria”. 

D’Alia rilancia il “Tribunale dei Nebrodi”

Immagine
ATTUALITA' Occorre rafforzare la presenza dello Stato sul territorio. Una presenza fatta non solo di uomini ma anche di strutture, e torna inevitabilmente di attualità la questione del tribunale dei Nebrodi. “Una fetta importante del nostro territorio, mi riferisco al triangolo compreso tra Patti, Enna e Termini Imerese, si trova sguarnito di un fondamentale presidio di legalità e di contrasto alle mafie – ha detto il presidente della Commissione bicamerale per le questioni regionali Gianpiero D’Alia – credo che il governo nazionale e quello regionale possano definire un accordo per ripristinare il tribunale nei comprensori di Mistretta e Nicosia così come proposto dai Comuni della zona, dagli amministratori e dagli operatori che qui vi lavorano”. 

La commissione antimafia a S. Agata Militello

Immagine
CRONACA Nel giorno del ricordo del sacrificio di Giovanni Falcone, della moglie e di tre agenti della scorta a Capaci, 23 maggio 1992, dopo le celebrazioni svoltesi a Palermo la Commissione Bicamerale Antimafia presieduta dall'on. Rosy Bindi ha fatto tappa al Parco dei Nebrodi per un'audizione sul fenomeno della "mafia dei pascoli. Giuseppe D'Amico. Dopo le manifestazione nell'aula bunker a Palermo nel ricordo di Giovanni Falcone, la Commissione Bicamerale Antimafia presieduta dalla Bindi ha svolto un'audizione presso la sede del Parco dei Nebrodi a Sant'Agata di Militello: ascoltando il vice prefetto Cerniglia, il questore Cucchiara, il procuratore Lo Forte, e il presidente Antoci, vittima mercoledì notte di un tentativo di agguato a Cesarò.

Nebrodi, opera di natura frutto di cultura

Immagine
ATTUALITA' I Nebrodi, rappresentano un territorio meraviglioso, ricco di grandi risorse non solo naturali e paesaggistiche, ma anche e soprattutto umane. Giuseppe Salerno. Uno degli slogan più belli pensati per il nostro territorio recita testualmente :< >. Quella cultura, quella sensibilità, quella lungimiranza che, hanno avuto le famiglie, la scuola le associazioni e tutte le agenzie educative presenti nel nostro territorio dove, tra l’altro, sono cresciuti e si sono formati giovani onesti e brillanti come Giuseppe Antoci e Daniele Manganaro. 

La risposta dei Nebrodi, Migliaia di persone in corteo contro la mafia

Immagine
CRONACA Tantissima gente ha partecipato a Sant’Agata Militello al corteo antimafia organizzato dai sindaci dei Nebrodi e dalla Federazione antiracket italiana.  Giuseppe Lazzaro.  Tantissima gente ha partecipato stamane a Sant’Agata Militello al corteo antimafia organizzato dai sindaci dei Nebrodi e dalla Federazione antiracket italiana per esprimere solidarietà al presidente del Parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci vittima di un attentato insieme la scorta che si occupa della sua tutela nella notte fra martedì e mercoledì scorso lungo la Strada Statale 289 Cesarò-San Fratello. Al corteo hanno partecipato oltre cinquemila persone, più di cinquanta sindaci provenienti da tutta la Sicilia, associazioni antiracket, sindacati, scuole, società civile e cittadini del comprensorio dei Nebrodi.

Controlli in casolari e posti di blocco

Immagine
CRONACA Anche gli specialisti nella ricerca di latitanti. Le verifiche si stanno concentrando tra San Fratello e Cesarò, l'area dove il presidente del parco Giuseppe Antoci ha subito l'agguato martedì notte. Impegnati una cinquantina di carabinieri e un nucleo speciale dalla Calabria. 

San Fratello non è un paese mafioso!

Immagine
POLITICA Comunicato dell'Amministrazione Comunale in risposta al senatore Lumia.     Confermando  la solidarietà al Presidente Antoci alla sua scorta ed a chi contrasta la criminalità e la delinquenza a tutti i livelli, non si possono non stigmatizzare le affermazioni del senatore Lumia a proposito di paesi definiti "tradizionalmente" mafiosi apparse sulla stampa. Generalizzare in questo modo non aiuta sicuramente sia gli amministratori sia tutti i cittadini onesti che ogni giorno con il loro esempio di vita semplice e operosa tengono la 'barra dritta'. 

Contrasto alla povertà e marginalità sociale

Immagine
AVVISO I moduli per la presentazione dell'istanza, oltre che scaricabili dall'Albo Pretorio del sito istituzionale, sono disponibili presso l'ufficio dei Servizi Sociali del Comune.   Ciro Carroccetto. Nell'ambito del progetto 'Contrasto alla povertà e marginalità sociale' legge 328/2000, Piano di Zona, del Distretto Socio-Sanitario N. 31, che prevede l'intervento di assistenza economica finalizzata e assegno economico ai nuclei che hanno in affidamento minori, si rammenta che dal 21 aprile c. a. è pubblicato sull'Albo Pretorio del Comune il bando con relativa modulistica, per la presentazione dell'istanza. 

Il senatore Lumia, Sui Nebrodi paesi "mafiosi"

Immagine
POLITICA Presentata una interrogazione parlamentare il seguito all'agguato al presidente del Parco dei Nebrodi. Il parlamentare di Termini Imerese elenca una serie di comuni definendoli “mafiosi” tra cui San Fratello. Immediata reazione dei sindaci. Non è la prima volta che il senatore Lumia alza il tiro contro le comunità dei Nebrodi e lo ha dimostrato a seguito di una interrogazione parlamentare presentata ieri per effetto del fallito agguato al presidente del Parco dei Nebrodi. 

Istituto ippico, in 36 senza stipendi

Immagine
ATTUALITA' Il nodo è una nomina illegittima. Aurora Fiorenza. Momenti di angoscia, malessere e disperazione. Sono quelli che stanno vivendo i 36 dipendenti dell'istituto di incremento ippico della sede centrale di Catania e delle sedi distaccate di Scordia e San Fratello. Da cinque mesi non ricevono lo stipendio. Si tratta di uomini che devono portare avanti le famiglie. Molte le spese da sostenere. Dalle medicine, alle tasse, fino alle rate di un mutuo.

Caccia aperta al commando, Controlli serrati sui Nebrodi

Immagine
CRONACA Lo Stato risponde alla mafia dei Nebrodi. Domani manifestazione a S. Agata, in serata arriva Alfano per incontrare Antoci, nominato da Renzi subcommissario PD a Messina. Massicia offensiva dello Stato dopo l’attentato del Parco dei Nebrodi contro Giuseppe Antoci. Da stamani i carabinieri setacciano il territorio messinese tra Cesarò, Caronia e San Fratello. Impiegati circa 50 uomini, tra cui il reparto specializzato dei Cacciatori di Calabria. Intanto proseguono le indagini della Squadra mobile della polizia, coordinata dalla Dda messinese.

Misure contro la povertà, bando per i comuni dei Nebrodi

Immagine
ECONOMIA Entro il 16 giugno 2016 dovranno essere presentate al Protocollo del comune di appartenenza le istanze per i due bandi. Maria Chiara Pizzino. Il progetto “Contrasto alla povertà e marginalità sociale” è stato promulgato dal Presidente del Comitato dei Sindaci, Carmelo Sottile, insieme con il Sindaco di Naso, Daniele Letizia. E’ indirizzato a tutti i comuni del Distretto Socio-Sanitario n°31.

Unpli Sicilia, firmato un protocollo d’intesa con i Nebrodi

Immagine
TURISMO Protocollo d’intesa tra Parco Naturale dei Nebrodi e Unione Nazionale delle Pro Loco d’Italia (UNPLI) per la promozione, valorizzazione e fruizione del patrimonio naturale dei Nebrodi. Chiara Cucinotta. Le Pro Loco siciliane testimoniano vicinanza al presidente del Parco dei Nebrodi dopo l’agguato di cui è stato vittima. Il presidente La Spina afferma: “Pieno sostegno al suo operato per la salvaguardia della legalità sul territorio“.

L’agguato al presidente del Parco dei Nebrodi, Indagini a 360 gradi

Immagine
CRONACA Le coordina la Dda. Rafforzata la scorta di Antoci. Giuseppe Lazzaro.  Sono proseguite per tutta la notte le indagini della Polizia di Stato sull’agguato avvenuto ieri notte, sulla Strada Statale 289 che collega Cesarò a San Fratello, al presidente del Parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci e alla sua scorta. Agenti della Squadra Mobile hanno eseguito altri rilievi sulla scena del delitto e sentito le persone presenti sulla scena della sparatoria. 

"Ramuci 'na puliziata" Pulizia delle spiagge

Immagine
COMUNICATO STAMPA L'Associazione Mare di Idee - Spazio ai Giovani, in collaborazione con alcuni volontari e senza alcuna sovvenzione o finanziamento, organizza la pulizia spontanea delle spiagge del Comune di Acquedolci nelle date: 29 Maggio e 5 Giugno 2016.

Come Benedetto il Moro, scalzo e «guarito» da Dio

Immagine
ATTUALITA' San Fratello, il paese del santo eremita siciliano, vanta una singolare abbondanza di preti e religiosi. Andrea Galli. San Fratello, provincia di Messina e diocesi di Patti, piccolo centro di 3.900 abitanti, non può dire di vivere attualmente un periodo di agio dal punto di vista materiale – una grossa frana nel 2010 lo ha messo in ginocchio, danneggiando tra l’altro le strutture della parrocchia principale, quella di San Nicolò di Bari, e costringendo un migliaio di persone a trovare una sistemazione di fortuna – ma custodisce una ricchezza di tipo diverso.

Solidarietà ad Antoci dal mondo politico

Immagine
COMUNICATO  Il Comune di San Fratello e il Comitato Promotore del Circolo PD di Acquedolci esprimono la massima solidarietà. Sabato manifestazione a S. Agata Militello. Comunicato del Comune di San Fratello Il Sindaco del Comune di San Fratello Francesco Fulia, l'Amministrazione comunale , il Presidente del Consiglio comunale, tutti i consiglieri e tutta la cittadinanza esprimono Massima solidarietà e vicinanza al Presidente del Parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci e alla  sua scorta, dopo l'esecrabile attentato di cui sono stati vittime la scorsa notte. Chi persegue  la legalità, in tutte le sue sfaccettature, ha la conferma che la strada intrapresa è quella giusta. Toccherà alle istituzioni ed alle forze di polizia con azioni sinergiche, dimostrare che una Sicilia nuova e' possibile.

Antoci vivo grazie all'auto blindata e agli uomini della scorta

Immagine
CRONACA Conflitto a fuoco nella notte tra un commando che ha tentato di uccidere Giuseppe Antoci e gli agenti di scorta. La vettura bloccata con dei sassi sulla strada tra Cesarò e San Fratello: "So chi mi vuole morto". Crocetta: "Rafforzare le misure di sicurezza". Antonio Fraschilla e Alessandra Ziniti.  La macchina blindata gli ha salvato la vita. Giuseppe Antoci, il presidente del Parco dei Nebrodi, già da tempo sottoposto a tutela per le serie minacce subite in seguito ai protocolli di legalità messi in atto per evitare la concessione di ampie zone di pascoli alla mafia, è sfuggito questa notte ad un agguato in piena regola avvenuto sui Nebrodi tra Cesarò e San Fratello. Erano da poco passate le due quando la macchina di Antoci, di ritorno a Santo Stefano di Camastra da una manifestazione a Cesarò, è stata bloccata lungo i tornanti di montagna da  alcune grosse pietre poste deliberatamente sulla carreggiata per fermare il corteo.

Colpi di arma da fuoco contro il presidente del Parco dei Nebrodi

Immagine
CRONACA  L'agguato verso l'una del mattino nella SS 289 tra Cesarò e San Fratello, forse ferito uno dei malviventi. Carmelo Amato.  Una sparatoria è avvenuta questa notte sulla strada statale che collega i paesi di San Fratello e Cesarò. Dei malviventi hanno preso di mira il presidente del Parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci, che viaggiava in auto insieme alla propria scorta. Diversi i colpi sparati da entrambe le parti. Un poliziotto della scorta ha risposto al fuoco, mettendo in fuga i malviventi e forse ferendone uno. Il fatto è avvenuto intorno all’una.

Il rilancio dell’agricoltura, Incontro a Sant'Agata Militello

Immagine
ECONOMIA Per l’agricoltura siciliana stanziati 2 miliardi e 200 milioni di euro di fondi europei del piano di sviluppo rurale. Interessato anche il territorio nebroideo. Se ne parlerà venerdì 20 maggio al Palazzo Gallego con ospite l’assessore regionale Cracolici. Giuseppe Lazzaro. Ottime prospettive per l’agricoltura siciliana che potrà beneficiare dello stanziamento di 2 miliardi e 200 milioni di euro di fondi europei del piano di sviluppo rurale (PSR 2014/2020). Nei primi due mesi di programmazione sono già stati pubblicati alcuni bandi che riguardano, tra l’altro, la conversione all’agricoltura biologica, il sostegno agli agricoltori delle zone svantaggiate, la programmazione dei GAL. 

Lavori pronti a partire per la Pubblica illuminazione nel quartiere Stazzone

Immagine
ATTUALITA' Il rifacimento dell’intero impianto è stato finanziato dalla Protezione civile. Si tratta di un intervento particolarmente atteso e sollecitato più volte dai residenti. Giuseppe Romeo. Aggiudicati in via definitiva i lavori per la realizzazione del nuovo impianto di pubblica illuminazione nel quartiere Stazzone a San Fratello. Ad eseguire l’opera l’impresa “Imprefer srl” di Linguaglossa, che ha offerto un ribasso del 25%, aggiudicandosi l’appalto per 101.949 euro su un importo di 160 mila euro a base d’asta. 

Il Consiglio approva il Consuntivo 2015

Immagine
POLITICA Si punta anche ad approvare il bilancio di previsione 2016-2018 nei tempi prescritti dalla legge. Ciro Carroccetto. In data 5 maggio 2016 il consiglio comunale di San Fratello, ha approvato, all'unanimità dei presenti, il conto consuntivo esercizio finanziario 2015. Il documento contabile, munito dei pareri per la regolarità tecnica, del responsabile del servizio e del Revisore dei conti, dopo un'ampia e costruttiva discussione in aula, e' stato esitato con voto favorevole da parte di maggioranza ed opposizione. 

Si risveglia l'interesse nazionale per la lingua gallo-italica

Immagine
CULTURA Dopo 25 anni le commissioni Affari Costituzionali di Camera e Senato non hanno ancora avuto l'occasione di riconoscere la lingua gallo-italica, presente in Sicilia. Salvatore Mangione. SAN FRATELLO - Con vero favore, si stanno registrando in questi ultimi mesi, notevoli interessi da diverse e numerose istituzioni, in favore del riconoscimento della lingua gallo-italica, argomento su cui noi non smettiamo di tornare periodicamente.

Crocetta per le strade di San Fratello

Immagine
ATTUALITA' Breve visita del presidente della Regione e incontro con i cittadini. La promessa del governatore: tornare al più presto alla normalità. Giuseppe Romeo. SAN FRATELLO - Metti una mattina al bar col presidente della Regione. E' successo nei giorni scorsi a San Fratello. I cittadini del centro nebroideo non si sono lasciati sfuggire l'occasione, notando per le vie del paese le auto di scorta e la presenza del presidente Rosario Crocetta. Era solo in transito Crocetta a San Fratello quando ha voluto fermarsi al bar per rifocillarsi.

Al via il processo per la frana di San Fratello, imputate dieci persone

Immagine
CRONACA Al centro delle indagini, quanti avevano presentato indebitamente istanza per ottenere l’ammissione al contributo di autonoma sistemazione, concesso a chi era stato costretto dalla frana ad abbandonare le abitazioni. Chiara Cucinotta. Sono dieci gli imputati che in questi giorni sono impegnati al tribunale di Patti per l’indebito ottenimento del contributo per l’autonoma sistemazione, subito dopo la frana del 2010: comportò la distruzione di circa 100 ettari di territorio, coinvolse abitazioni, opere pubbliche, chiese, scuole. 

Dopo sei anni San Fratello è al punto di prima

Immagine
ATTUALITA' La "fuga" della Protezione Civile. L'assurdo: alcuni abitanti hanno occupato alloggi e ora sono indagati. Salvatore Mangione. SAN FRATELLO - La popolazione del centro montano dei Nebrodi, insieme a quelle dei centri vicini, interessati ai fenomeni di dissesto idrogeologico del 2010, come Caronia e Castell'Umberto, hanno appreso che è in fase di preparazione una nuova ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri, per ulteriori fondi a favore della Protezione Civile. Ma purtroppo, a scanso di equivoci, sembra che secondo l'ufficio provinciale di osservazione sui fenomeni del territorio, in questa fase, sarebbero altri i territori su cui intervenire e non i Nebrodi. 

Frana a San Fratello, lavori finiti e va via la protezione civile

Immagine
ATTUALITA' Lasciati i locali di Palazzo dell'Aquila a distanza di 6 anni. Francesca Alascia. SAN FRATELLO - La Protezione Civile Dipartimento della Sicilia, ha smobilitato i propri uffici dal Comune di San Fratello. Lasciati i locali di Palazzo dell'Aquila a distanza di 6 anni dalla drammatica frana che colpì duramente l'intera comunità, il presidio ha trasferito tutti gli incartamenti in altre sedi, nelle quali continueranno ad essere gestite la pratiche ancora in via di risoluzione. 

Finiti i lavori per il consolidamento

Immagine
ATTUALITA' La protezione civile lascia il presidio locale di San Fratello. Giuseppe Romeo. Si sono conclusi dopo sei anni i lavori di messa in sicurezza del vasto fronte colpito dalla frana di San Fratello nel Febbraio 2010. Un’imponente opera di consolidamento messa in atto dalla protezione civile che ha portato avanti il crono programma di interventi, finanziati ed avviati secondo la pianificazione fatta nei mesi successivi al dissesto. 

La solenne celebrazione del martirologio

Immagine
EVENTI Rinvenuto un testo del '700 che parla dei Santi Alfio, Filadelfio e Cirino. Salvatore Mangione. SAN FRATELLO - E' stata rivenuta una pubblicazione del 1713, riguardante il martirologio dei santi del Regno di Spagna, curato dal cardinale Carpineus, pubblicato il 28 gennaio del quell'anno. Alla voce del 10 di maggio, nel giorno festivo dei Santi martiri Alfio, Filadelfio e Cirino, viene riconosciuto il rito devozionale, in tutto il Regno delle due Sicilie in particolare. 

La Protezione Civile lascia San Fratello

Immagine
ATTUALITA' Chiusi gli uffici nel centro montano, nonostante i problemi da risolvere e i dubbi da sciogliere sulla ricostruzione siano ancora tanti.  Salvatore Mangione. SAN FRATELLO - La Protezione Civile Dipartimento della Sicilia, ha smobilitato i propri uffici dal centro montano. Tutto è stato trasferito in altre sedi, senza lasciare al momento alcuna presenza tecnica o di rappresentanza. Dopo gli ultimi sopralluoghi del sesto anniversario, nello scorso mese di febbraio. A distanza di sei anni e tre mesi dal dissesto idrogeologico, i cento ettari di  smottamento ed i millecinquecento sfollati rimangono affidati alle competenze e capacità degli uffici comunali ed amministrativi.

Programma della Festa dei Tre Santi

Immagine
EVENTI  Il dieci mattina, alle ore 9, sfilata dei devoti che partecipano alla cavalcata in onore ai Santi martiri lentinesi e processione per le vie del centro sino al santuario  normanno del Monte Vecchio.  Salvatore Mangione. Per tre giorni, la festa patronale in onore ai Santi Alfio Filadelfio e Cirino, terrà impegnati i devoti. L'8 maggio sfilata dei bambini a cavallo, con partenza dalla chiesa Madre, con percorso cittadino. Il 9 maggio in serata, processione della cassa contenente le reliquie con i corpi dei tre fratelli e di Santa Tecla e relativa fiaccolata.

I santi fratelli Alfio, Filadelfio e Cirino, La loro storia tra fede e leggenda

Immagine
EVENTI Non abiurarono il loro profondo credo e furono martirizzati a Lentini. Il vescovo Costantino nel 787 fece trasferire le sacre reliquie nel santuario sito nell'acropoli di Apollonia (San Fratello). Ciro Carroccetto. Quest'anno a San Fratello i festeggiamenti in onore dei santi patroni Alfio, Filadelfio e Cirino oltre al triduo di preparazione ai festeggiamenti (7, 8 e 9 maggio) a cura di fra Alfio Benedetto Lanfranco, avranno una rilevante novità. Nell'anno santo della Misericordia, il 9 maggio, a partire dalle 19, dopo la santa messa e vespri solenni, si svolgerà una solenne processione con il simulacro dei tre santi fratelli per le vie del paese. Rimane invariato il programma per giorno 10. Con santa messa in mattinata subito dopo la famosa processione pellegrinaggio, che raggiungerà il santuario normanno posto sul monte vecchio. 

Falso e truffa dopo la frana a San Fratello

Immagine
CRONACA Iniziato il processo per dieci persone per l'indebito ottenimento del contributo di autonoma sistemazione. Giuseppe Romeo. Sono accusate di falso e truffa aggravata per l’indebito ottenimento del contributo per l’autonoma sistemazione nei mesi successivi alla drammatica frana del Febbraio 2010 a San Fratello. Si tratta di 10 persone, nei confronti dei quali si è aperto a Patti il processo di primo grado di fronte al giudice monocratico Sandro Potestio. 

Benedetto el negher di Sicilia

Immagine
STORIA e CULTURA San Benedetto il moro, francescano nero lombardo di Sicilia (1526-1589). Leonardo Tondelli. Brut negher, torna all’infer’n. Immaginatevi la scena: una squadra di braccianti ha circondato un pastore, un ragazzino che porta due buoi al pascolo. Lo prendono in giro perché è scuro di pelle. Molto scuro. Figlio di schiavi dell’Africa nera, forse etiopi. Lui li guarda preoccupato ma cerca di tenere basso lo sguardo, non vuole grane. Se gli ammazzano i buoi è rovinato. E forse è a quello che puntano. Una parola sbagliata, uno sguardo di traverso, e un coltello si fa presto a tirar fuori…

Acquedolci, #IoLeggoPerchè 2016

Immagine
Il 23 aprile 2016 si è svolto ad Acquedolci l'evento #IoLeggoPerchè, a cura dell'associazione Mare di Idee - Spazio ai Giovani con il patrocinio del Comune di Acquedolci. Tra gli ospiti, il prof. Salvatore Mangione, che ha discusso sulla storia e sulla cultura del territorio di San Fratello e di Acquedolci.

Concessione Parco Urbano San Benedetto

Immagine
ATTUALITA' Il 13 maggio si chiude il bando per la concessione del ritrovo estivo del parco urbano di San Fratello, biennio 2016/2017. Entro le 9,00 del 13 maggio 2016 dovranno pervenire al Comune di San Fratello le offerte legate alla gestione del parco urbano San Benedetto il Moro. 

Riqualificazione e valorizzazione del quartiere Sottana

Immagine
ATTUALITA' Via libera alle proposte dei privati. E' interesse dell'Amministrazione Comunale provvedere nel contesto dello studio del centro storico (...) alla valorizzazione e riqualificazione di quelle zone maggiormente sensibili all'evoluzione dei tempi e che hanno subito nel tempo, maggiormente rispetto ad altre, i fenomeni di abbandono e degrado;

Inserire nel Masterplan due arterie stradali per raggiungere Alcara e San Fratello

Immagine
POLITICA Il Senatore Bruno Mancuso lancia un appello ai sindaci dei Nebrodi. Giuseppe Spignola. “Prevedere nell’ambito del Masterplan della Città Metropolitana di Messina, in via di definizione, anche le due importanti arterie stradali intervallive del torrente Inganno e del torrente Rosmarino”. E’ l’appello che il Senatore Bruno Mancuso (Ap) rivolge ai sindaci del territorio dei Nebrodi ed al presidente del Parco dei Nebrodi, anche alla luce dell’ultimo incontro al Comune di Messina per la ridefinizione della progettualità ricadente nel Masterplan.

Cosa fare per salvare il "gioiello" della Chiesa del Crocifisso

Immagine
ATTUALITA' Per questo gioiello del passato non ci sono al momento sponsor disposti ad aiutare il centro di San Fratello. Adibita a Battistero per diversi secoli, fu un tempio frequentatissimo.  Salvatore Mangione. Il Fai, Fondo Ambiente Italia, è stato interessato da molti cittadini del centro montano per la salvaguardia del centro storico e in particolare della chiesa ottagonale, battistero, dedicata al Santissimo Crocifisso. La situazione continua a rimanere sotto osservazione, anche se nulla lascia ben sperare per il futuro.

Rimozione dell'amianto, via libera al piano

Immagine
AMBIENTE Già redatte le linee guida di intervento e l'avviso pubblico ai cittadini relativo al censimento di beni ed immobili contenenti amianto. Giuseppe Romeo. La Giunta di San Fratello ha approvato il piano di rimozione dell'amianto. Il piano è stato redatto dall'Ufficio tecnico comunale, coordinato dall'ingegnere Pippo Contiguglia, con il supporto di una consulenza tecnica specialistica esterna, al termine di un'attività tecnica iniziata nello scorso autunno con la costituzione dell'apposito ufficio. 

Referendum sulla legittima difesa della casa e dei beni.

Immagine
POLITICA Nella proposta di legge sarà potenziata la tutela della persona che difende la propria casa, i propri beni e i propri cari. Comunico a tutti coloro che ne fossero interessati che, presso l'UFFICIO SEGRETERIA o ANAGRAFE del vostro comune di residenza é possibile firmare per un referendum di iniziativa popolare sulla legittima difesa della casa e dei beni.

Parlate in dialetto ai vostri figli? Diventeranno più intelligenti

Immagine
ATTUALITA' I ricercatori hanno scoperto che i bambini che conoscono un dialetto, oltre alla lingua nazionale, godono degli stessi vantaggi cognitivi dei bambini che parlano più lingue. Zeina Ayache. I ricercatori hanno scoperto che i bambini che parlano due dialetti godono degli stessi vantaggi, a livello cognitivo, dei bambini che parlano due lingue distinte. La scoperta è interessante vista la quantità di dialetti che si parlano nei vari Paesi, ci basta pensare all'Italia per farci un'idea di ciò di cui stiamo parlando e per comprendere anche l'importanza di mantenere viva questa forma linguistica. Lo studio, intitolato “The effect of childhood bilectalism and multilingualism on executive control”, è stato pubblicato su Cognition.

Presentata la commissione per il marchio di qualità dei prodotti dei Nebrodi

Immagine
ECONOMIA Le istanze potranno essere presentate dal 2 maggio. Sul sito del Parco la documentazione per gli interessati. Teresa Sanfilippo. Un marchio per valorizzare i prodotti dei Nebrodi e premiare i produttori. Procede spedito l’iter per la concessione d’uso del marchio “Nebrodi – Sicily”. Il 29 aprile, presso la sede dell’Ente Parco a Sant’Agata Militello sono stati presentati i componenti della Commissione Tecnica che si occuperà di esaminare le domande ed i requisiti di aziende ed operatori in lizza per l’ottenimento del prestigioso bollino. 

Storia dei cognomi, i Fichera

Immagine
CURIOSITA' Fichera è diffuso in tutte le regioni italiane. N el linguaggio dialettale siciliano e calabrese, indica un albero di fichi. Francesco Miranda. Fichera come Gaetano Fichera, matematico, docente universitario. Il cognome deriva dal mestiere di venditore o coltivatore di fichi esercitato dal capostipite o dal fatto che la sua famiglia abitasse nei pressi di una grossa concentrazione di alberi di fichi (ficheto o fichereto). Fichera, nel linguaggio dialettale siciliano e calabrese, indica un albero di fichi.